Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Amarischia for Caritas

L’imprenditore Arcangelo Cola, titolare di Amarischia, ha dato in questi giorni il suo significativo aiuto alla Caritas Diocesana di Ischia, come già era accaduto in passato, allo scopo di sostenere le tante famiglie della nostra isola che si trovano in gravi difficoltà a causa del protrarsi della pandemia Covid19.

L’iniziativa Amarischia for Caritas è stata fondamentale per la Caritas Diocesana di Ischia che, grazie alla generosità del dott. Cola, potrà assicurare, ancora una volta, la spesa a coloro che chiederanno un aiuto alimentare: sarà una dolce carezza per chi ad oggi è meno fortunato e si trova ad affrontare le difficoltà di un futuro ancora troppo incerto.

Purtroppo, come reso pubblico pochi mesi fa dall’osservatorio delle povertà di Caritas Italia che ha attenzionato anche la nostra isola, la crisi economica legata alla pandemia ha triplicato le persone che mensilmente si rivolgono per aiuti alimentari ai centri ascolto dislocati sul nostro territorio.

200 le spese solidali che l’ambasciatrice di Amarischia, Cecilia D’Ambrosio, ha consegnato al Centro diocesano Caritas di Ischia presso il Centro Papa Francesco.

 “Il nostro gesto è un invito a essere sempre più solidali con chi ci sta vicino, fisicamente e moralmente. E’ necessario educare i nostri giovani ed essere altruisti e attenti al prossimo, promuovendo genti di sana solidarietà” queste le parole di Cecilia D’Ambrosio che da qualche anno rappresenta sul territorio isolano l’azienda napoletana e l’imprenditore Cola.

Un pacco pieno di pasta, olio, scatolame, biscotti, latte e altri beni che ha consentito di rifornire con rapidità ed efficienza la Caritas dei prodotti da inserire nei pacchi che in queste ore vengono distribuiti a partire dalle parrocchie. Resta dunque molto forte l’impegno che questa azienda, come tante altre, dedica nei confronti del tessuto sociale ischitano, con la speranza che ancora tanti imprenditori possano prendere esempio per aiutare in modo fattivo le tantissime famiglie isolane disagiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*