Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Compagni di viaggio nel nome del Signore

Ultimo step per i cresimandi di Ischia

«Il Vangelo parla della nostra vita: noi oggi non stiamo concludendo un percorso, ma ne stiamo per iniziare un altro permeati di una luce nuova», così il Vescovo Villano durante l’ultimo incontro

 Si è concluso venerdì 5 aprile presso la Chiesa del Buon Pastore di Ischia il percorso diocesano che ha visto impegnati circa 150 partecipanti, provenienti da tutta l’isola, verso il Sacramento della Cresima. Cinque gli step animati con grande gioia dalla Pastorale giovanile di Ischia che, a partire da novembre, ha alternato momenti di riflessione – con catechesi e laboratori – ad altri di comunità. Tra questi la visita alla parrocchia di Santa Maria di Montesanto di Napoli, una realtà viva nonostante le difficoltà del territorio, grazie all’azione di don Michele Madonna, che ha lasciato il segno in quanti vi hanno preso parte. Ed è con le testimonianze di due dei tanti cresimandi che si è aperto il momento conclusivo alla presenza del Vescovo Carlo Villano.

«Se oggi mi soffermo dinanzi alla bellezza di un tramonto, quando prima correvo avanti e indietro, senza guardarmi intorno, è grazie a chi ci ha accompagnato in questo percorso. Lo avete fatto con una gioia contagiosa». È stata questa parte del messaggio letto da Francesco e condiviso da tutti gli altri compagni di avventura, come Lucia che ha superato la sua timidezza per dar voce al racconto della sua esperienza. La dolcezza e la pazienza con cui i giovani della pastorale hanno guidato i cresimandi non era scontata: sono loro gemme preziose per la Chiesa di Ischia. Il silenzio ha accompagnato, invece, la toccante testimonianza di Sira, un’animatrice parrocchiale che ha accettato la sfida offerta dal suo Parroco nonostante stia combattendo una lunga e difficile battaglia. Le sue parole sono state esempio di come lo Spirito Santo possa guidarci senza farci perdere la rotta anche quando il mare è in tempesta.

Ad animare con i canti, i giovani seminaristi isolani rappresentati al microfono da Angelo che ha raccontato il suo percorso a tutti i presenti. Dopo la lettura del Vangelo del giorno, quello in cui Giovanni racconta dell’apparizione di Gesù risorto sulla sponda del lago di Tiberiade, è stato il Vescovo Carlo a prendere la parola. «Il Vangelo parla della nostra vita: noi oggi non stiamo concludendo un percorso, ma ne stiamo per iniziare un altro permeati di una luce nuova. Domani tornerete alle vostre case, ai vostri studi, al vostro lavoro, in un’alba nuova sicuri che quello che prima sembrava impossibile ora diventa possibile con la presenza del Signore».

Su suo invito, ciascuno dei presenti è stato chiamato a scorgere il volto di Dio nel viso dell’altro: compagni di viaggio nel nome del Signore. «Come i discepoli anche voi – ha detto ancora il Vescovo – vivrete una vita nuova con la presenza di Gesù. Siete segno che il Signore è veramente risorto».  Il buio della Chiesa si è fatto poi luce con le fiammelle accese tra le mani dei cresimandi che hanno rinnovato tutti insieme, con forza, le promesse battesimali.

Gli applausi riservati ai Parroci che hanno guidato il percorso parallelo nelle varie Parrocchie e a quanti si sono impegnati per la buona riuscita del corso, trascorrendo intere domeniche nelle cucine di Villa Joseph per preparare il pranzo dei ritiri, hanno sancito un momento di festa durante il quale i giovani della Pastorale hanno donato un simbolo di riconoscenza a tutti loro. Un pensiero anche per tutti quelli che nei prossimi giorni riceveranno il Sacramento della Cresima: una matita colorata con incise frasi significative per essere, come Madre Teresa di Calcutta, “matite nelle mani di Dio”.

di Isabella Puca

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Abitare questo luogo santo

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della Celebrazione Eucaristica per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta V. e M. – 17 maggio, presso la Basilica Santuario in Lacco Ameno

Veglia Diocesana di Pentecoste

In occasione della Veglia per la Pentecoste il Vescovo Carlo, ispirato dalle parole di Papa Francesco, ci ha offerto un interessante percorso attraverso il significato dei sette doni dello Spirito