Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Al cuore della partecipazione

Da Assisi per metterci in cammino verso Trieste

Si è svolto ad Assisi l’ottavo seminario nazionale degli uffici diocesani di pastorale sociale e del lavoro, sul tema “Al cuore della partecipazione. In cammino verso Trieste”. Si sono susseguite giornate ricche di relazioni e approfondimenti su tematiche quali ecologia integrale e lavoro, momenti di spiritualità, ma anche laboratori nei quali è stato sperimentato il metodo di lavoro che verrà utilizzato dai delegati della cinquantesima Settimana Sociale che si svolgerà a Trieste nel mese di luglio.

“Il tema del metodo non è secondario – ha sottolineato don Bruno Bignami, direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Cei – perché il metodo è anche già un contenuto, cioè ci permette di far capire che ogni persona, in qualche modo, può offrire un contributo al bene comune. L’elemento interessante è che la partecipazione democratica si lega alla competenza di ciascuno sulla vita, non solo sui temi sociali. In questi giorni ad Assisi abbiamo provato a dire che questa competenza la dobbiamo condividere con tutti, facendo in modo che ciascuno offra la sua per il bene comune, per la crescita della nostra democrazia. Ne abbiamo bisogno, anche per la vita ecclesiale”.

Al convegno ha partecipato una delegazione delle diocesi di Pozzuoli e di Ischia, con i responsabili degli uffici di pastorale sociale e del lavoro, Marianna Sasso, Pina Trani, e Gennaro Campanile, con l’addetto stampa e direttore editoriale di Segni dei Tempi, Carlo Lettieri.

Come è stato sottolineato durante i diversi interventi, gli ambiti che oggi devono essere posti maggiormente al centro dell’interesse generale, sono rappresentati da: lavoro (papa Francesco nella Evangelii Gaudium, 192, scrive che “nel lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale, l’essere umano esprime e accresce la dignità della propria vita”); economia, che deve essere attenta alla persona, alla gratuità, alla fiducia (“Non di solo pane vivrà l’uomo” – Mt 4,4); politica, concepita alla luce di «colui che serve» (Lc 22,26), come arte del servizio al bene di noi-tutti; impegno cristiano per la giustizia e la pace (come sottolinea Bergoglio, “occorrerà fare appello ai credenti affinché siano coerenti con la propria fede e non la contraddicano con le loro azioni”); coltivare e custodire il creato (sempre il pontefice evidenzia che “la cultura ecologica non si può ridurre a una serie di risposte urgenti e parziali ai problemi che si presentano riguardo al degrado ambientale, all’esaurimento delle riserve naturali e all’inquinamento. Dovrebbe essere uno sguardo diverso, un pensiero, una politica, un programma educativo, uno stile di vita e una spiritualità che diano forma ad una resistenza di fronte all’avanzare del paradigma tecnocratico”).

Per il direttore nazionale bisogna passare “dal registro della lamentela” alla valorizzazione delle “nuove forme di partecipazione che sono presenti nei nostri territori e nelle nostre comunità, luoghi di partecipazione che meritano di essere conosciuti e proposti proprio perché ci dicono come tante persone si stiano spendendo per gli altri e cerchino in qualche modo di dare risposte ai problemi del nostro tempo”. «Nella Settimana Sociale – ha specificato don Bignami – non ci saranno dei documenti predisposti da approvare, anzi, c’è la volontà di ascoltare, di partecipare e di partire dai contenuti che emergeranno in quei giorni. La partecipazione non è poco, ed è in coerenza con il cammino sinodale della Chiesa italiana. Il ruolo dei cattolici emerge dalla loro disponibilità a mettersi in gioco. I cattolici possono fare molto perché hanno una responsabilità che deriva anche da un senso profondo della fede che diventa vocazione della storia. Nella fedeltà a Cristo e al messaggio cristiano nasce poi la capacità di impegno concreto nella storia, che può svilupparsi nell’economia, nella società, nella politica e negli ambiti più vari».

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Abitare questo luogo santo

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della Celebrazione Eucaristica per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta V. e M. – 17 maggio, presso la Basilica Santuario in Lacco Ameno

Veglia Diocesana di Pentecoste

In occasione della Veglia per la Pentecoste il Vescovo Carlo, ispirato dalle parole di Papa Francesco, ci ha offerto un interessante percorso attraverso il significato dei sette doni dello Spirito