Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Magistratura, parola-chiave elettorale

L’unico tema che compare tra i primi cinque per tutti i principali partiti è quello dei poteri dei magistrati

Gli specialisti del Cise, il Centro studi elettorali dell’università Luiss, in un’indagine in vista delle europee hanno individuato i temi-chiave per l’elettorato di ciascuna forza politica. Ebbene, sondaggi alla mano, l’unico tema che compare tra i primi cinque per tutti i principali partiti, con posizioni opposte tra gli schieramenti (Fdi, Lega e Fi da una parte, Pd e M5S dall’altra) è quello dei poteri dei magistrati, da ridurre o da difendere rispetto agli assetti attuali. Che l’atteggiamento nei confronti delle toghe – argomento di estrema delicatezza per gli equilibri democratici – sia il denominatore comune dei due “campi” contrapposti, la dice lunga sul tasso di ideologizzazione con cui bisogna fare i conti, quando invece la materia richiederebbe ponderazione e serenità di giudizio. Del resto non è una novità. Basti pensare che su argomenti del genere in passato furono addirittura indetti dei referendum.

È in questo contesto che il governo si appresta a mettere in campo una legge che introduce la separazione delle carriere dei magistrati: giudici e pubblici ministeri collocati in due percorsi paralleli che quindi non si incontrano mai. Si tratta della terza riforma di natura istituzionale di cui l’esecutivo si fa promotore, con un assortimento che corrisponde all’articolazione della maggioranza: dopo il premierato e l’autonomia differenziata, cari rispettivamente a FdI e Lega, ora è la volta di una storica proposta berlusconiana che Forza Italia rilancia con convinzione.

Per una valutazione puntuale sarà bene attendere il testo ufficiale, quello che sarà effettivamente presentato in Parlamento. Ci sono aspetti la cui definizione tecnica e di dettaglio può risultare decisiva. In termini più generali, depurata da intenti punitivi e da polemiche pre-elettorali – esaltate dalle notizie sulle inchieste per corruzione dal Nord al Sud del Paese –  la questione sollevata da chi sostiene la separazione delle carriere è di grande rilevanza. La posta in gioco è l’effettiva “terzietà” del giudice, anche in rapporto alle modifiche che hanno investito negli anni il processo penale, orientate ad assicurare una sostanziale parità tra accusa e difesa.

Ma per raggiungere questo obiettivo è proprio necessario modificare la Costituzione che prevede un unico “ordine”, “autonomo e indipendente da ogni altro potere”? La questione è stata motivo già in passato di interventi correttivi, fino alla riforma Cartabia del 2022, in base alla quale il passaggio dalla funzione requirente (i pubblici ministeri) a quella giudicante (i giudici, appunto) o viceversa, è possibile soltanto nei primi dieci anni di servizio e soltanto una volta nella carriera di un magistrato. I dati ancora provvisori dicono che nello stesso 2022 le richieste di passaggio da una funzione all’altra sono state appena una ventina su un organico di quasi 10 mila magistrati e con i nuovi, drastici limiti introdotti esse sono destinate verosimilmente a diminuire ancora. Il fenomeno è così ridotto da far risultare del tutto sproporzionato e fuori bersaglio il rimedio proposto con la separazione delle carriere. E non mancano i pericoli.

Dividere la magistratura in due corpi separati, infatti, può alimentare la tentazione di lasciar scivolare i pubblici ministeri nell’orbita del controllo governativo, ma espone anche al rischio – parzialmente contrapposto – che si possa creare un sottogruppo corporativo dei pm più potente e autoreferenziale, come ebbe a dire in un’intervista l’ex-presidente della Corte costituzionale, Cesare Mirabelli. Sarebbe un esito veramente paradossale per i sostenitori della separazione. Il criterio fondamentale, in ultima analisi, non può che essere quello di garantire l’autonomia e l’indipendenza nell’esercizio della giurisdizione. Vale per il governo, vale per il legislatore e vale per gli stessi magistrati nella concretezza dei loro comportamenti.

di Stefano De Martis – Sir

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

La libertà dei figli di Dio

Papa Francesco continua la catechesi sullo Spirito Santo: «Nella catechesi odierna vorrei riflettere con voi sul nome con cui lo Spirito Santo è chiamato nella Bibbia. La prima cosa che

Per amore del mio popolo

Giuseppe Diana nasce a Casal di Principe il 4 luglio 1958. A 10 anni entra nel seminario di Aversa per studiare, ma la sua vocazione si consoliderà solo con gli

Lasciamo entrare il Signore nelle nostre vite

Nell’omelia del vescovo per le Cresime presso la Parrocchia san Ciro Martire, la certezza che la sinodalità si sta concretizzando anche grazie ai giovani La celebrazione eucaristica del 31 maggio