Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

«Trasferire un prete è per il bene di tutti. Più rispetto e comunione»

L’arcivescovo Carboni scrive alle comunità per spiegare spostamenti e fusioni fra le parrocchie. «No ai muri del pianto, impariamo ad accogliere e a collaborare insieme»

Bene del presbitero coinvolto nel trasferimento, bene spirituale della comunità parrocchiale, bene dell’intera diocesi. A questi tre criteri si è sostanzialmente ispirato l’arcivescovo di Oristano, Roberto Carboni, nella recente riorganizzazione pastorale della Chiesa locale che ha interessato 20 parrocchie (poco meno di un quarto), altrettanti Comuni e 13 parroci, di cui sei appartenenti al clero regolare. «Siamo tutti consapevoli – scrive nel messaggio alle comunità – che il numero dei preti disponibili per il ministero pastorale è notevolmente diminuito e, nonostante la generosità di molti sacerdoti, anche avanti negli anni, è ormai assai difficile riuscire ad assicurare un parroco a ogni comunità». In questo giro di trasferimenti, infatti, Carboni si è visto costretto ad assegnare quattro parrocchie (in tutto poco meno di 2mila abitanti) a un solo sacerdote e cinque comunità locali (complessivamente 4mila residenti) a due preti con pari responsabilità giuridica e pastorale.

L’arcivescovo ha cercato di far dialogare tra loro i tre criteri, «illuminati dal discernimento nella preghiera, per non ridurli solo a un esercizio di buon senso o a semplici valutazioni esteriori». L’età, la salute, gli anni di ministero del prete in una determinata parrocchia, le attitudini peculiari del suo ministero pastorale, le fatiche e le difficoltà incontrate sono elementi importanti da tenere in conto quando si propone un trasferimento. «Per questo – aggiunge il presule – il dialogo con le persone interessate è di grande importanza per conoscere difficoltà oggettive e potenzialità, ma anche per stimolare l’apertura al cambiamento che la nuova destinazione necessariamente riserva e chiede». Andare in un’altra comunità parrocchiale «implica – raccomanda il pastore oristanese – dare il giusto spazio al nuovo parroco che arriva e, con delicatezza e sensibilità, farsi da parte per permettere al confratello di iniziare il servizio ministeriale, in dialogo con la nuova comunità. In una parola esorto a non essere invadenti, e neppure a favorire nei fedeli quegli sterili e inutili pellegrinaggi e muri del pianto… ai quali, talvolta, purtroppo si assiste».

Il secondo aspetto riguarda il bene spirituale della comunità parrocchiale che a volte soffre per la partenza di un sacerdote e inizialmente può vivere con una certa fatica l’accoglienza del nuovo parroco e, comunque, ha bisogno di tempo per dialogare col nuovo stile pastorale. Carboni esorta presbiteri e laici «ad avere un atteggiamento di rispetto di quanto è stato fatto prima di loro, di esercitare l’accoglienza e aprirsi a nuove metodologie, sensibilità e percorsi pastorali. Chiedo a tutti di puntare all’essenziale della vita cristiana: l’incontro con il Signore e la carità da vivere tra fratelli e sorelle». Prima di imporre modifiche, occorre convertire i cuori aprendoli a nuove mentalità e prospettive. «Diversamente – scrive l’arcivescovo di Oristano – i cambiamenti saranno sentiti come una imposizione o, peggio ancora, come una prevaricazione esercitata dal nuovo arrivato».

Per quanto riguarda il bene della comunità diocesana, Carboni ricorda che «uno tra gli obiettivi, iniziato già da tempo, è quello di camminare verso una sempre maggiore collaborazione delle zone pastorali, dove diversi sacerdoti si sforzano di lavorare fraternamente. Anche le diverse comunità parrocchiali sono chiamate ad aprirsi per fare decisi passi di comunione con le altre comunità, specie le più vicine».

di Mario Girau – Avvenire

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo