Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Incontro nazionale dell’Ordo virginum

Dal 24 al 27 agosto 2023, nella città di Enna, si svolgerà l’Incontro nazionale dell’Ordo virginum

Sarà la Sicilia ad ospitare, quest’anno, l’Incontro nazionale dell’Ordo virginum che si svolgerà ad Enna, diocesi di Piazza Armerina, dal 24 al 27 agosto 2023, sul tema «L’arte di comunicare con il cuore» ispirato al Messaggio del Papa per la 57ma Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali «Parlare con il cuore. “Secondo verità nella carità”(Ef4,15)».

«Anche il quotidiano di noi consacrate si caratterizza per essere un ‘quotidiano comunicante’, una continua occasione per entrare in comunione e relazione con il Signore e con quanti incontriamo –spiega il Gruppo per il collegamento dell’Ov-. I mezzi di comunicazione, in veloce e continua evoluzione, sono anche continui generatori di nuovi luoghi di relazioni da curare, luoghi nei quali siamo anche noi chiamate ad entrare con il ‘cuore’, come dice il Papa, con tutta la nostra persona, la nostra storia, la nostra fede».

All’Incontro, che si articolerà in tre giornate, scandite da momenti di preghiera, ascolto e condivisione, interverranno: Cristina Vonzun – consacrata Ordo virginum della Diocesi di Lugano, direttrice di Communicatio Ecclesiae e di Catholica settimanale del Corriere del Ticino, membro della Commissione per la comunicazione della Conferenza dei vescovi svizzeri – che relazionerà sul tema «Donne consacrate nell’era della comunicazione digitale»; Don Luigi Maria Epicoco – sacerdote della Diocesi dell’Aquila, filosofo e scrittore, docente alla Pontificia Università Lateranense di Roma e all’Issr aquilano, direttore della Residenza Universitaria San Carlo Borromeo – che interverrà su «Le donne nella Bibbia: una comunicazione “altra”»; Andrea Monda – giornalista e scrittore, direttore de L’Osservatore Romano – che si soffermerà su «Comunicare è narrare: a servizio della Chiesa in uscita di Papa Francesco».

Sono previsti anche due momenti di conoscenza della realtà ecclesiale siciliana: una Veglia di preghiera, il secondo giorno, incentrata sulla testimonianza di fede di quattro figure significative della Chiesa siciliana: Sant’Agata vergine e martire, la Beata Pina Suriano, il Beato don Pino Puglisi e il Beato Rosario Livatino; una tavola rotonda su «I linguaggi della cura», con la testimonianza dei responsabili del Centro di accoglienza Padre Nostro di don Pino Puglisi, della Comunità Speranza e Carità di fratel Biagio, e della dottoressa Cristina Fazzi, in diretta dallo Zambia.

Ad accompagnare nella preghiera le consacrate, le donne in formazione, quelle interessate al carisma e i Delegati presenti ad Enna saranno il vescovo di Piazza Armerina, Mons. Rosario Gisana, il vescovo di Caltanissetta, Mons. Mario Russotto, il vescovo di Nicosia, Mons. Giuseppe Squillace, il vescovo ausiliare di Messina, Mons. Cesare Di Pietro, il vescovo di Caltagirone, Mons. Calogero Peri, il vescovo di Cefalù, Mons. Giuseppe Marciante, il vescovo di Palermo, Mons. Corrado Lorefice, il vescovo referente Cei per l’Ordo virginum, Mons. Paolo Ricciardi.

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Due immagini autentiche

Commento al Vangelo Mc 4,26-34 Gesù parla in parabole. Le parabole sono la strategia di Dio per comunicare con noi, con la sua creatura. È il modo per poter dire

La libertà dei figli di Dio

Papa Francesco continua la catechesi sullo Spirito Santo: «Nella catechesi odierna vorrei riflettere con voi sul nome con cui lo Spirito Santo è chiamato nella Bibbia. La prima cosa che

Per amore del mio popolo

Giuseppe Diana nasce a Casal di Principe il 4 luglio 1958. A 10 anni entra nel seminario di Aversa per studiare, ma la sua vocazione si consoliderà solo con gli

Lasciamo entrare il Signore nelle nostre vite

Nell’omelia del vescovo per le Cresime presso la Parrocchia san Ciro Martire, la certezza che la sinodalità si sta concretizzando anche grazie ai giovani La celebrazione eucaristica del 31 maggio