Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

San Giovanni Battista, il profeta di Gesù

Cari bambini, il 24 giugno la Chiesa ricorda un grande Santo, di cui abbiamo già parlato qui sul “Kaire dei Piccoli”: San Giovanni Battista, detto così perché battezzava le persone bagnando loro la testa nel fiume Giordano, in Palestina. San Giovanni, infatti, era un grande profeta che invitava tutti a pentirsi dei propri peccati e a purificarsi con il Battesimo, per essere pronti ad accogliere Gesù che sarebbe venuto dopo di lui. Gesù stesso fu battezzato da lui, ricordate? San Giovanni era anche il cugino di Gesù, di sei mesi più grande.

Il loro primo incontro, pensate, è avvenuto quando entrambi erano ancora nella pancia delle loro mamme: la Vergine Maria aveva appena avuto l’annuncio dall’Arcangelo Gabriele che avrebbe dato alla luce Gesù, e saputo che anche la cugina Elisabetta era in attesa di un bambino la andò a trovare. Quando Elisabetta la vide, Giovanni saltò di gioia nel suo grembo, sentendo la presenza di Gesù dentro Maria! Incredibile, vero?

Ma tutta la storia di San Giovanni è davvero straordinaria, ed è cominciata ancor prima che nascesse: sua mamma Elisabetta, infatti, e suo papà Zaccaria, erano persone già avanti negli anni e avevano pregato tanto Dio affinché desse loro un figlio. Un giorno l’Arcangelo Gabriele apparve a Zaccaria e, come a Maria, gli disse che avrebbe avuto un figlio, il quale sarebbe stato un grande profeta che avrebbe annunciato a tutti l’arrivo di Gesù.

Zaccaria non credette subito a queste parole, perché ormai pensava di essere troppo anziano per essere genitore, e per questo motivo rimase muto da quel momento fino alla nascita di Giovanni e, quando nacque il piccolo, Zaccaria cominciò a cantare ringraziando il Signore per il miracolo che aveva fatto. Tutti si chiedevano chi sarebbe diventato quel bambino, dati i prodigi che accadevano, San Giovanni, però, non diventò chi loro pensavano: non era potente e non aveva successo, ma viveva per annunciare la venuta di Gesù ai popoli.

Diceva loro di chiedere perdono a Dio e preparare il loro cuore all’incontro con Lui perché niente è più importante di questo! E noi, bambini? Siamo pronti all’incontro con Gesù? Pensiamo mai che il cuore è la Sua casa? E come una casa, anche il cuore va pulito per accogliere un ospite importante. Come? Basta poco, cari bambini: con la Confessione e con ogni opera buona, ogni gentilezza ed ogni sorriso donato agli altri con amore (anche e soprattutto quando pesano) facciamo risplendere il nostro cuore di luce e questo fa gioire noi, e il Signore che lo abita.

Per tutto questo, San Giovanni è uno dei Santi più venerati al mondo; a lui, infatti, sono dedicate molte chiese, feste e città, e molti si chiamano come lui (Giovan Battista, Giobatta, Giambattista, ecc.) proprio per questo motivo: perché è stato un grande personaggio nella storia dell’umanità e della cristianità, che ha portato e continua a portare migliaia di persone alla conoscenza di Gesù e a volerGli bene. Per la rubrica “I luoghi di Gesù”, in passato vi abbiamo portato proprio lungo le rive del fiume Giordano: lì, da tantissimi anni, migliaia di pellegrini giungono da tutto il mondo per rinnovare le promesse battesimali, immergendosi nel fiume solo coi piedi o completamente, mentre un sacerdote prende un pochino d’acqua con una conchiglia e la fa scorrere sulla testa delle persone, recitando insieme a loro le frasi che la Chiesa indica per questo rituale speciale.

Per la Rubrica, invece, “La Bibbia e i Santi a cartoni animati”, in cui vi facciamo conoscere i cartoni(a colori) che raccontano le vicende e le vite delle persone che hanno fatto la storia della Chiesa e del Cristianesimo, proponiamo questi tre filmati per voi bimbi della primaria; ecco i primi due:  www.youtube.com/watch?v=GITGxqN7sQY e www.youtube.com/watch?v=iA_Lz1T3u3k; e l’ultimo per voi bimbi di quarta e quinta, ma anche per voi ragazzi delle medie (sappiamo che non siete ‘piccoli’, ma se passate di qui pensiamo possa farvi piacere!):

Buona visione, con un adulto, e buona scoperta di Gesù e del bene che ci vuole!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo