Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

La sorpresa dell’amore

Ciao Bambini! Come state? Lo sentite il freddo? Eh, sì, quando ormai sembrava che l’inverno non avesse più nulla da offrire è arrivato il gelo! Ma questa è la caratteristica di questa stagione e a noi piace così! Parlando di questo, ci viene in mente la frase di una persona che era solita dire che “per non sentire il freddo, non devi fargli resistenza”.

Cosa vuol dire? Significa che dobbiamo bloccare la reazione istintiva del nostro corpo che è quella di irrigidirsi quando sente il freddo. Non è certo facile, ma se ci distraiamo, se ci muoviamo e se proviamo a rilassarci, a poco a poco impareremo ad accogliere il freddo e a sopportarlo meglio. Ci vorrà impegno ed esercizio, ma con la pratica è possibile! Dopotutto, anche Gesù ci dice la stessa cosa! Sul freddo? Non proprio, bambini! A dire il vero, ci insegna ad accogliere qualcosa di molto più importante delle basse temperature.

Vediamo di cosa si tratta: “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: ‘Occhio per occhio e dente per dente’. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Dà a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle. Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste»”.

Cari bambini, ad una prima lettura sembrerebbe che Gesù ci dica: “lascia che gli altri ti facciano del male”, ma non è così! Lui stesso ha detto che Dio ama tutti: buoni e cattivi perché tutti siamo suoi Figli, quindi, vuole il bene per ognuno di noi! Allora, cosa ci chiede? Gesù ci chiede di accogliere e di non contrastare un certo tipo di freddo: quello del cuore. Ci sono tanti cuori che, per motivi diversi, non sanno provare e donare amore per gli altri. Magari vogliono bene ai loro cari, ma faticano a considerare fratelli coloro che non fanno parte dei loro affetti.

Quindi che fare? Sorprenderli! Quello che Gesù ci insegna è essere imprevedibili proprio come lo è l’amore! Quando vogliamo bene a qualcuno, infatti, facciamo cose che non ci sogneremo mai di fare perché, in quel momento, la cosa più importante è la persona a cui vogliamo più bene! Pensate ad un genitore che non esiterebbe a mettere in pericolo la propria vita per salvare quella del proprio figlio, ma questo è solo uno degli esempi, perché sappiamo che il primo è proprio quello di Gesù in croce per noi. Il Signore, quindi, non ci dice letteralmente di farci prendere a schiaffi o permettere che gli altri siano ingiusti con noi, no! Ma ci fa un esempio di come comportamenti di questo tipo potrebbero lasciare stupiti coloro che in quel momento sono ostili con noi. Facciamo un esempio: diciamo che di prendere un giocattolo di un vostro amico, senza chiederlo e senza volerlo ridare indietro.

Poi immaginiamo che quel vostro amico ci guardi in silenzio e poi, con un sorriso e senza dire nulla, ci desse un altro suo gioco, magari il suo preferito. Come reagireste? Questo non vi spiazzerebbe? Magari eravate pronti a litigare ed invece…invece siete rimasti di stucco. In quel momento il vostro amico è stato imprevedibile, ha fatto una cosa inaspettata che subito non capite, ma che vi ha toccato il cuore. E questo vi porta a riflettere, a cambiare atteggiamento e, magari, a capire che quel vostro gesto era sbagliato e restituite i giochi presi.

Quindi, cosa ha fatto in definitiva il vostro amico? vi ha voluto bene! Vi ha mostrato cosa è davvero importante tra di voi, e di sicuro non sono i giocattoli. Cari bambini, c’è tanto freddo nel mondo e tante persone che si affannano per sconfiggerlo senza riuscirci. Mostriamo al mondo che il freddo non ci fa paura, che possiamo accettarlo ed allora sarà proprio lui a scaldarsi…a trovare quel calore: il calore dell’amore.   

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo