Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

È da tempo che i portuali (cioè le persone che lavorano nei porti) di varie città italiane si rifiutano di caricare armi destinate alle guerre nel mondo.

Li ha ringraziati anche Papa Francesco, durante una delle sue udienze, per la loro scelta coraggiosa. I portuali di Genova, Livorno, Napoli e Ravenna, infatti, hanno incrociato le braccia e hanno detto NO: «Noi non caricheremo armi, esplosivi e nessun materiale bellico (da guerra). Tutte le volte che saremo a conoscenza di carico, scarico o passaggio di armamenti all’interno del nostro porto interverremo e cercheremo di rifiutarci e di dichiarare, se necessario, anche uno sciopero (rifiuto a lavorare) affinché nel porto non transitino armi destinate ad uccidere popolazioni civili, ovunque questo accada».

Una grande azione di fratellanza e di pace!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Abitare questo luogo santo

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della Celebrazione Eucaristica per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta V. e M. – 17 maggio, presso la Basilica Santuario in Lacco Ameno

Veglia Diocesana di Pentecoste

In occasione della Veglia per la Pentecoste il Vescovo Carlo, ispirato dalle parole di Papa Francesco, ci ha offerto un interessante percorso attraverso il significato dei sette doni dello Spirito