Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

“Diamo gusto al solidale”: Un grande successo!

Nel corso dell’evento tenutosi giovedì 30 maggio presso la Torre di Guevara ad Ischia che ha visto la partecipazione di dieci Chef, tre maestri lievitisti, quattro maestri pizzaioli, cinque maestri pasticceri e cinque bartender, sono stati raccolti 11.194,70€.

Una serata che ha visto la presenza di oltre 600 persone, organizzata dall’Associazione Editoriale Giovanile Isole del Golfo e Serrara Notizie unitamente agli Chef Alessandro Nistri e Raffaele Angelino ideatori del progetto “DIAMO GUSTO AL SOLIDALE”.

L’evento inoltre ha ottenuto il patrocinio morale dalla Regione Campania e dei Comuni di Ischia, Serrara Fontana e Casamicciola Terme nonché il supporto dell’Istituto Professionale di Stato “Vincenzo Telese” il quale ha contribuito con i suoi alunni a dare un’eccellente assistenza ricettiva alla serata.

Il ricavato dell’evento rifinanzierà il servizio GRATUITO già attivo (istituito in occasione della prima edizione dello scorso anno) di ASSISTENZA infermieristica ambulatoriale e/o domiciliare e di trasporto con ambulanze verso strutture su Ischia o in terraferma che praticano terapie oncologiche e, affidato all’associazione “CROCE ROSA ISCHIA SOCCORSO”.

Infatti, con il ricavato della scorsa edizione di 7.046,55 € sono stati effettuati a titolo gratuito 17 trasporti tra Ischia e Napoli per una spesa complessiva di 2010,00 €.

Inoltre, quest’anno si è voluto ampliare il progetto con l’istituzione di borse di studio. Infatti, nell’edizione di quest’anno sono state assegnate sei borse di studio dal valore singolo di € 300,00 ai ragazzi diversamente abili frequentatori dell’istituto Professionale di Stato “V. Telese” di Ischia che hanno superato brillantemente un contest gastronomico appositamente realizzato dalla scuola nell’ambito del progetto “Diamo Gusto al Solidale”.

Ma non solo, si è già a lavoro su come implementare ulteriori servizi gratuiti a favore dei malati oncologici della nostra isola. È infatti in corso di definizione un servizio gratuito di assistenza fisioterapica di cui a breve saranno date tutte le informazioni utili per usufruirne nonché, vista l’importante riuscita dell’evento si sta pensando a ulteriori servizi come l’assistenza psicologica e nutrizionistica.

Ma la riuscita dell’evento non sarebbe stata uguale senza alcuni Enti, Aziende e persone che hanno supportato il progetto e ai quali va il nostro più profondo e doveroso ringraziamento. All’Amministrazione Comunale di Ischia e al suo Sindaco Dott. Vincenzo Ferrandino il quale, oltre a rendere disponibile per l’evento l’incantevole scenario della Torre di Guevara, ha supportato ogni attività necessaria alla sua riuscita.

Un ringraziamento particolare alla Giacometti Group nella persona del patron Alfredo Giacometti, agli sponsor e a tutti coloro che con la loro fattiva collaborazione hanno consentito la perfetta riuscita dell’evento.

Ma il più importante ringraziamento va al grande cuore di tutti coloro ischitani e forestieri, che partecipando all’evento hanno apportato il loro importante contributo alla nobile causa.

La grande solidarietà ricevuta è la dimostrazione che uniti si può fare tanto per chi vive momenti difficili alleviando le loro sofferenze.

di Camillo Buono – Presidente dell’Associazione Editoriale Giovanile Isole del Golfo

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Fedeli alla Parola di Dio

Omelia del Vescovo Carlo nella celebrazione eucaristica del 15 giugno, per i festeggiamenti del santo patrono, con il conferimento del sacramento della Cresima, presso la Basilica di san Vito Martire

Gesto di amore e gratitudine aperto al mondo

Cos’è l’Obolo di San Pietro Per comprendere bene che cosa sia l’Obolo di San Pietro e che cosa significhi l’espressione “Carità del Papa”, bisogna andare oltre la visione ristretta che

Voci da Ain Arik (Cisgiordania)

“Ecco come si vive sotto occupazione militare” Da Ain Arik, villaggio della Cisgiordania, arrivano le voci della piccola comunità cristiana. La guerra a Gaza fa sentire i suoi effetti negativi