Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il perdono è sempre disponibile da parte di Dio, ma richiede il pentimento da parte del peccatore. Se una persona rifiuta di pentirsi, allora il perdono non può essere ricevuto.

Il peccato contro lo Spirito Santo, secondo la tradizione della Chiesa, è un peccato che Gesù dichiara imperdonabile. Questa affermazione si basa su due passaggi del Nuovo Testamento:

  • Matteo 12:31-32: “Pertanto io vi dico: ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata. E chiunque avrà detto una parola contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonata; ma a chi avrà parlato contro lo Spirito Santo, non gli sarà perdonata né in questo mondo né in quello futuro.”
  • Marco 3:28-29: “In verità vi dico che tutto sarà perdonato ai figli degli uomini: i peccati e le bestemmie quante ne avranno proferite; ma chi bestemmierà contro lo Spirito Santo, non avrà mai perdono, è colpevole di un peccato eterno.”

La questione di cosa costituisca esattamente un peccato contro lo Spirito Santo è stata dibattuta per secoli tra teologi e interpreti della Bibbia. Nell’interpretazione più comune, il peccato contro lo Spirito Santo è un rifiuto ostinato di rispondere all’amore di Dio e alla sua grazia salvifica. Questo rifiuto può assumere varie forme:

  1. Disperazione: Rifiutare di credere nella salvezza e nella misericordia di Dio.
  2. Presunzione: Credere di poter ottenere la salvezza senza l’aiuto di Dio, o di ottenere il perdono senza pentimento.
  3. Invidia della grazia di Dio ad altre persone.
  4. Ostinatezza nel peccato, nonostante la conoscenza della Verità.
  5. Rifiuto finale di credere nella verità, nonostante le prove.

Nel senso che il peccato contro lo Spirito Santo non può essere perdonato, si intende che una persona che persiste in questo stato di rifiuto ostinato di Dio non può essere perdonata perché non è disposta a ricevere il perdono. Il perdono è sempre disponibile da parte di Dio, ma richiede il pentimento da parte del peccatore. Se una persona rifiuta di pentirsi, allora il perdono non può essere ricevuto. In questo senso, il peccato contro lo Spirito Santo è “imperdonabile”.

Riguardo alla questione della sua irremissibilità, si deve intendere come un peccato che non può essere perdonato in quanto chi lo commette ha rifiutato la fonte stessa del perdono e della salvezza, cioè lo Spirito Santo. In altri termini, il perdono di Dio è sempre disponibile per coloro che si pentono dei loro peccati e cercano sinceramente di vivere in conformità con la volontà di Dio, ma chi commette questo tipo di peccato ha reso il proprio cuore chiuso alla grazia di Dio e, quindi, non può ricevere per sua scelta il perdono.

Nella prassi teologica della Chiesa la questione del perdono dei peccati è sempre stata strettamente legata alla questione del ravvedimento e della conversione. Secondo la fede cristiana, il ravvedimento è il primo passo verso il perdono dei peccati e la conversione è il processo attraverso il quale i credenti cercano di vivere in conformità con la volontà di Dio.

di Paolo Morocutti

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Dalle tenebre alla luce

Nessun luogo incarna i contrasti e le contraddizioni del capoluogo campano come il Rione Sanità, e proprio qui la Cooperativa La Paranza, supportata dalla Diocesi e dai fondi Ue, ha

I Vangeli alla prova della scienza

La fede alla prova dello spirito critico, questo il soggetto del volume “Gesù di Nazaret, una storia vera?”. Nella ricerca si analizzano la morfologia e la sintassi delle fonti storiche,