Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Cari bambini, in questo fumetto della “Parola del Mese” troviamo Gesù che, attraverso un gesto semplice, come offrire un bicchiere d’acqua, ci insegna un grandissimo atto d’amore: quello dell’accoglienza dell’altro, e aggiunge che chi farà questo non perderà la sua ricompensa; “Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa” (Mt 10,42). Ma cosa vuol dire?

Con queste parole Gesù, vedendo le folle che lo volevano seguire, invia gli apostoli indicando loro la strada per la loro missione: quella di portare a tutti il Vangelo e di annunciare il Regno di Dio, cioè mostrare in pratica la vicinanza (accoglienza) di Dio all’uomo, guarendo, risuscitando, amando… Gesù chiede ai suoi di donare speranza, pace e amore.

La strada non sarà semplice, perché il male disturba le opere buone ed è sempre più rumoroso del bene (da cui invece viene la pace), ma è il modo di percorrere questa strada che deve essere semplice, con gesti piccoli e accoglienti. Gesù desidera che amiamo con attenzione! Poi ci penserà Lui ad entrare nei cuori; è Lui che compie i miracoli! Ma tutto ciò è possibile se chi annuncia Gesù è lui stesso piccolo tra i piccoli; cioè? Tanti vogliono ascoltare Gesù; oltre ai 12 Apostoli, scelti da Lui, che lo seguono sempre, ci sono anche moltissime altre persone che vogliono conoscerLo.

E Gesù vuole far arrivare il suo messaggio anche a loro. Spiega così ai discepoli come fare per amare tutti come Lui. Andando nelle città e nei villaggi potranno far conoscere il Suo insegnamento a chiunque li accoglierà nella loro casa: questi sono i piccoli. Ogni persona che accoglie Gesù nel suo cuore è un piccolo e un discepolo. Un piccolo discepolo! È piccolo perché il cuore non si chiude alle conoscenze della mente e all’egoismo, ma lascia spalancata la porta a Gesù che ha sempre da insegnarci la via, la verità e la vita! Poi Gesù fa un esempio: chi dà anche un solo bicchiere d’acqua ad uno di questi piccoli avrà la sua ricompensa. L’acqua era preziosa: chi la donava, donava tanto.

L’amore di Gesù è attento, generoso e gentile. Così deve essere anche il nostro amore e Lui sarà felice di noi! Ci donerà 100 volte tanto! Questa è la ricompensa: seminare amore con Gesù e tra noi! Il regalo più grande nella vita è l’amicizia di Gesù che fa bene ai cuori di tutti. Gesù chiedeva, e chiede ancora oggi, questo e solo così possiamo portare il Vangelo nel nostro cuore e agli altri, se noi stessi ci facciamo piccoli, come piccolo si è fatto Lui nascendo, ma nella sua grande immensità! Non è sempre facile: tra i 12, alcuni apostoli hanno avuto paure e difficoltà, perché fidarsi dell’amore di Gesù a volte spaventa, perché costa far posto agli altri dentro a noi stessi, è faticoso metterci da parte, accogliere e dare attenzione; ci sembra di rimanere senza niente per noi.

Anche per S. Tommaso, che la Chiesa ricorda il 3 luglio, è stato così: lui non credeva che Gesù fosse risorto, non si fidava ed ha dovuto toccare con mano le Sue piaghe, dicendo subito dopo: “Signore mio e Dio mio!”. Queste 5 parole le ripetiamo anche nella Messa in silenzio all’elevazione del pane e del vino. Tommaso fa la testimonianza di fede più forte di tutta la storia e grazie a questo Gesù rassicura anche gli altri apostoli. Nulla va sprecato con Dio, nemmeno i dubbi e le paure, che Lui solo sa trasformare in bene per qualcun altro!

Quindi, fidiamoci di Gesù! Anche quando abbiamo paura, chiediamogli di accoglierci come siamo! Buttiamoci, come Ajala e le sue amiche, in India, che si sono messe d’accordo per fare qualcosa per raccogliere denaro per i poveri. Così hanno cominciato a fare delle collanine per venderle. Un giorno Ajala arriva con una grande scatola piena di perline di tanti colori! Che gioia per tutte! Quel giorno Ajala torna a casa contenta di aver fatto quel dono a Gesù, ma anche un po’ pensierosa: ora lei non ha più niente! Passa un po’ di tempo e arriva il giorno del suo compleanno. Un’amica le porta un grande pacco-regalo.

Dentro ci sono tantissime perline a forma di fiore! Anche Gesù è stato proprio generoso con lei! Allora, amiamo con attenzione e come piccoli discepoli; solo così ci ritroveremo, senza saperlo, a voler bene veramente, pensando al bene di tutti!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo