Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

La gioia del Suo passaggio

La mia esperienza del Corpus Domini è capitata, se vogliamo dirla così, in un momento di prova. Devo infatti affrontare un doloroso intervento, pur vivendo già altre prove di salute in famiglia. Fin da quando ho saputo della processione, cioè che sarebbe passata per le nostre strade, vicino alle nostre case, ho ritenuto questo fatto come una benedizione, come un dono speciale di Gesù. Ho creato un gruppo WhatsApp di 68 membri con tutte le persone della mia zona, con le quali abbiamo condiviso l’entusiasmo per questo passaggio. C’era l’attesa di Lui, dello Sposo. Ogni giorno il mio cuore era sempre più palpitante in questa attesa e a volte mi scontravo con qualche atteggiamento di indifferenza. Ho dedicato tutta la settimana a preparare gli scritti per la processione insieme a un’altra signora. Ci abbracciavamo spesso, ubriache di gioia e di amore per Lui.

Così è arrivato il fatidico giorno. Alla messa delle 9:30 don Giuseppe ha parlato dell’Eucaristia in un modo così travolgente che dai miei occhi sgorgavano lacrime continuamente. Mi sentivo pronta, preparata all’incontro. Il pomeriggio, con tanto amore, tra sole e acquazzone, tra gioia di vivere l’esperienza e delusione di ritrovarmi un po’ derisa e incompresa, mi sono cimentata nella preparazione del tratto di strada fuori casa mia, ma anche di tutta una zona più abbandonata e poco illuminata di sera. Siamo partiti da Campagnano con tanta fede, ma anche sentendo il limite dell’uomo:” Ma come, hai Dio davanti a Te, gli puoi dire tutto, e preferisci perdere tempo con fuochi e banda? “.

Ho sentito che però non potevo neppure giudicare, perché non tutti abbiamo capito già certe cose. Il momento per me più sentito è stato quando, in uno spazio vuoto rispetto al programma, ho introdotto il canto “Stai con me”, chiedendo a Gesù di tenere strette a sé le persone afflitte dalla guerra, quelle costrette a migrare, quelle che muoiono senza nessuno accanto, gli ammalati e i soli, che spesso mettiamo all’ultimo posto, impegnati in mille liturgie in cui celebriamo solo noi stessi.

Abbiamo proseguito e le strade soltanto sono state la vera preghiera, quanto amore per Gesù, che occasione straordinaria! Poi le parole di don Carlo alla benedizione, l’invito a una vita eucaristica, a un impegno costante contro superficialità, bigottismo, indifferenza già all’interno delle nostre case. Infine, abbiamo accompagnato Gesù a San Domenico. Chissà cosa avrà pensato Gesù, chissà quali preghiere esaudirà, chissà cosa ancora ci donerà. Lo sa solo la Chiesa che già vive in Paradiso.

A noi resta solo la gioia del Suo passaggio, che ci ha fatto sussultare il cuore.

di Luigina Buono

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo