Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Un cuore che si allarga

Cari bambini, il 16 e 17 giugno la Chiesa ricorda due festività speciali: il Sacro Cuore di Gesù e il Cuore Immacolato di Maria. Che ricorrenze curiose, vero? E perché noi cristiani le celebriamo e cosa significano? Il Sacro Cuore di Gesù viene onorato con una festa per ricordare che Gesù ci vuole così tanto bene da essersi fatto uomo.

È venuto ad abitare in mezzo a noi per far conoscere l’amore di Dio Padre e per salvarci dal male offrendo se stesso in cambio, dandoci il Suo corpo come abbiamo visto nella festa del Corpus Domini. Potete immaginare un bene più grande? Il cuore di Gesù è tutto pieno di amore per noi, non ha confini e abbraccia tutto il mondo! Perché vuole donare a tutti il Suo amore e la Sua amicizia.

E quando siamo in questa amicizia (camminando sulle orme della Verità e Bontà, come diciamo spesso), anche il nostro cuore si allarga facendoci sentire felici! Proprio così: avete mai notato che quando siamo felici sembra che il nostro cuore sia più grande, come se si allargasse, e sembriamo volere più bene a tutti? Regaliamo sorrisi ad ogni persona, siamo allegri e a volte saltiamo di gioia; diventiamo luminosi come il sole perché quella luce ci viene dal cuore! Ecco, in quel momento ci sentiamo esattamente come la nostra Mamma celeste: Maria.

La sua festa, infatti, viene subito dopo quella del Sacro cuore di Gesù, suo figlio, per ricordare che Lei, per prima, ha accolto Gesù nel suo cuore, come in una culla, per poi portarlo in grembo. E la sua grande gioia era tanta che, quando è andata a trovare la cugina Elisabetta, non ha potuto trattenerla ed ha cominciato a ringraziare Dio a gran voce col Magnificat! Gesù è potuto venire nel mondo grazie al “Sì” che Maria ha detto a Dio! Quel “Sì”, che dopo un po’ di timore, si è fatto pieno di gioia, vuol dire: “Signore ti voglio così bene che farò tutto quello che mi chiederai, perché so che sarà bene anche per me”.

Così Maria è diventata la Mamma di Gesù e la Mamma nostra, alla quale possiamo chiedere ogni cosa perché, proprio come tutte le mamme, ha un cuore grandissimo! Bello, vero? E come possiamo ringraziare per tutto questo amore che ci viene donato? Ad esempio, dicendo una piccola preghiera come questa: “Dolce Cuor del mio Gesù, fa che io t’ami sempre più; dolce Cuore di Maria, siate la salvezza dell’anima mia”.

E in più, con “Le Tre Paroline del Cuore: Grazie, Scusa, Aiuto” (che troviamo qui ben spiegate e pregate, di seguito), diciamoGli anche noi ogni giorno, magari prima di andare a dormire, insieme all’Angelo di Dio, al Padre Nostro e all’Ave Maria, che Gli vogliamo tanto bene e che abbracciamo Lui e la Madonna con tutto il nostro cuore!

Da un cuore all’altro, uniti in un grande bene che ci rende più felici e che crea in ognuno di noi un cuore che si allarga!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo