Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il male non è una creazione di Dio, ma è il risultato della scelta dell’uomo di allontanarsi dal bene.

Secondo il pensiero teologico cristiano, l’origine del male può essere considerata in diversi aspetti della storia e della natura umana. In generale, il male deriva dalla disobbedienza dell’uomo a Dio e dalla sua ribellione contro la volontà divina. Ecco alcuni punti chiave per comprendere l’origine del male secondo il pensiero teologico:

  1. La caduta dell’uomo: Nel libro della Genesi, si racconta la storia di Adamo ed Eva, i primi esseri umani creati da Dio. Dio mette alla prova la loro fedeltà proibendo loro di mangiare il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male. Tuttavia, sotto l’inganno del serpente (che rappresenta il diavolo o Satana), Adamo ed Eva disobbediscono a Dio e mangiano il frutto proibito. Questo atto di ribellione è conosciuto come “peccato originale” e segna l’entrata del male nel mondo.
  2. La natura peccaminosa dell’uomo: A causa del peccato originale, tutti gli esseri umani ereditano una natura peccaminosa che li inclina al male. Questa inclinazione al peccato è chiamata “concupiscenza” e porta gli individui a compiere azioni malvagie o immorali.
  3. Il diavolo o Satana: Nel cristianesimo, il diavolo o Satana è considerato una creatura spirituale ribelle che si oppone a Dio e cerca di danneggiare il bene. Satana tenta gli esseri umani a disobbedire a Dio e a commettere peccati, contribuendo così alla diffusione del male nel mondo.
  4. Il libero arbitrio: Dio ha concesso agli esseri umani il libero arbitrio, che è la capacità di scegliere tra il bene e il male. Sebbene il libero arbitrio sia un dono, può anche portare al male quando gli individui scelgono di agire in modo immorale o egoistico.

Dunque, secondo il pensiero teologico cristiano, il male deriva dalla caduta dell’uomo, dalla natura peccaminosa ereditata, dall’influenza del diavolo e dalle scelte fatte con il libero arbitrio. Il male non è una creazione di Dio, ma è il risultato della scelta dell’uomo di allontanarsi dal bene. Dio permette il male a causa del libero arbitrio dell’uomo. La sofferenza e il male sono anche la conseguenza del peccato originale, cioè della disobbedienza degli uomini nella scelta di voler essere come Dio, decidendo di conoscere il bene e il male da soli.

Il cristianesimo rifiuta il fatto che Dio ha creato il male. Al contrario, si ritiene che Dio abbia creato un mondo perfetto e che il male sia stato introdotto dall’uomo a causa della sua libera scelta. Inoltre, il cristianesimo insegna che Dio soffre con l’uomo e che ha offerto una soluzione al problema del male attraverso la sua incarnazione, morte e risurrezione in Gesù Cristo.

Il cristianesimo risponde alla domanda del perché Dio permetta il male affermando che ciò è dovuto alla libera scelta dell’uomo e che il male non è stato creato da Dio, ma è stato introdotto nel mondo a causa della disobbedienza dell’uomo.

La sofferenza e il male, quindi, non sono voluti da Dio, ma fanno parte della libertà concessa all’uomo e della condizione umana, che può essere superata attraverso la fede in Gesù Cristo e la partecipazione alla sua passione salvifica.

di Paolo Morocutti

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Essere autentici davanti al Signore

Omelia del Vescovo Carlo per il mercoledì delle Ceneri Gl 2,12-18; 2Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18 Con il mercoledì delle Ceneri, che quest’anno è caduto il 14 febbraio, inizia il nostro

Cosa sono gli Esercizi spirituali?

La sfida vera degli Esercizi, l’esercizio più difficile, è quella che ci si para dinanzi al rientro: come non disperdere le scintille di consolazione raccolte? Sant’Ignazio ci viene in soccorso,

Com’è la Chiesa sinodale in missione?

Verso la seconda sessione dell’assemblea del Sinodo dei Vescovi con la fase Sapienziale; poi tocca alla Profetica. In vista dell’appuntamento di ottobre «è il momento di riprendere con decisione il