Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il primo giorno di scuola

E così anche per Gabriele arriva il primo giorno alle elementari. Per preparaci al fatidico evento iniziamo a parlarne in famiglia da un po’ ma la sua reazione è sempre stata molto precisa: “non ci voglio andare!”

Gabriele nel suo curriculum scolastico (due anni di asilo nido + tre di infanzia) ha cambiato ben cinque maestre pur frequentando lo stesso istituto. È comprensibile un po’ di diniego da parte sua. Inoltre – non sembra – è timido e deve faticare un po’ per conoscere amichetti nuovi. Ricorriamo quindi alla carta jolly e chiediamo l’aiuto a sua sorella Beatrice, più grande di due anni, che già conosce le regole della nuova scuola. Ed ecco che scatta in lei quel neurone femminile che la fa diventare una mamma. “Gabri, non ti preoccupare, finalmente potrai imparare a leggere e a scrivere. Le maestre sono tenere e la scuola è bellissima. Poi ci sono anch’io lì…!”

Ecco a cosa serve la complicità familiare: basta uno sguardo, un’intesa, che tutto prende il verso giusto.

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Dalle tenebre alla luce

Nessun luogo incarna i contrasti e le contraddizioni del capoluogo campano come il Rione Sanità, e proprio qui la Cooperativa La Paranza, supportata dalla Diocesi e dai fondi Ue, ha

I Vangeli alla prova della scienza

La fede alla prova dello spirito critico, questo il soggetto del volume “Gesù di Nazaret, una storia vera?”. Nella ricerca si analizzano la morfologia e la sintassi delle fonti storiche,