Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Relazioni di cura – Per avere il diritto di restare umani

11 novembre 2021 – Giornata Nazionale delle cure palliative

Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Italiana

Il Tavolo Cei degli Hospice cattolici e di ispirazione cristiana

Quando si ha a che fare con una persona che ha una patologia inguaribile c’è una terapia che non può mai venire meno: la relazione di cura. È questo il senso più profondo che si vuole trasmettere nella Giornata nazionale delle Cure palliative, istituita per diffonderne la conoscenza e sensibilizzare la società sul tema dell’assistenza e del sostegno nei percorsi di fine vita. Per questo il patrono delle cure palliative è san Martino di Tours – la cui festa ricorre l’undici novembre –, il cavaliere che offrì spontaneamente il suo mantello a un mendicante per ripararlo dal freddo, simbolo naturale di protezione e generosità.

Le cure palliative pongono al centro la persona e prendono in considerazione non soltanto la sfera clinica, ma anche gli aspetti sociali, psicologici e spirituali del paziente e dei suoi cari. L’approccio è finalizzato a preservare la dignità dell’essere umano, non considerandolo un insieme di sintomi ma una persona nella sua totalità. Con lo stesso livello di attenzione sono oggetto di cura anche i suoi cari.

Per rispondere nella maniera più completa possibile all’insieme dei bisogni è dunque necessario il coinvolgimento di un’équipe di professionisti che mettano al servizio del malato le loro esperienze e capacità, in un dialogo continuo che prende in carico il paziente e il suo nucleo di affetti, seguendoli e accompagnandoli per tutto il percorso della malattia, affrontando insieme le difficoltà pratiche ed emotive che comporta.

In Italia l’accesso alle cure palliative è un diritto del cittadino sancito dalla legge 38/2010 grazie alla quale il servizio di assistenza è gratuito e totalmente coperto dal Servizio sanitario nazionale. Un diritto sconosciuto è un diritto leso, perciò è fondamentale che la conoscenza di questo diritto raggiunga quante più persone possibile. Un malato inguaribile non è un malato incurabile: per questo quando una persona non può più essere guarita può ancora essere curata. «Le cure palliative rendono il tempo del vivere un tempo di bellezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*