Kaire dei Piccoli

Progetto “Fumetto a Scuola” – 4

Cari bambini, eccoci arrivati alla fine delle puntate del “Fumetto a Scuola” della Scuola Primaria dell’I.C. Dolo di Venezia: cosa abbiamo imparato, attraverso questo interessante fumetto? Javier Zanetti, ex-calciatore, ora allenatore, e Myriam Sylla, pallavolista, due sportivi che hanno avuto tanto successo (e che prima si sono anche tanto allenati, tra fatiche e divertimento) ci hanno insegnato come crescere forti e sani prendendoci cura del nostro corpo, a partire dall’alimentazione (vedi le sane e gustose merende proposte nei numeri scorsi e che continueremo a proporvi…) e dall’allenamento fisico (ginnastica), passando per la mente quando ci hanno fatto capire l’importanza del saper fare squadra e del credere nelle nostre capacità e in noi stessi, non badando a quello che gli altri dicono di noi. Anche questo, quello della mente, è un allenamento: occorre imparare a non cedere alle sconfitte, alla sfiducia o al giudizio, ma riprovare sempre ogni volta, con speranza e fiducia. E per fare questo spesso da soli non ce la facciamo, e allora ecco che bisogna prendere la forza che ci serve da qualcuno.

Da chi? Dagli amici che ci circondano, dalla nostra famiglia e, soprattutto, dal nostro Amico speciale, Gesù: perché non siamo fatti solo di corpo e mente, ma anche di anima, e qui sul Kaire dei Piccoli lo sappiamo bene. Allora, dopo aver visto come allenare corpo e mente, come possiamo allenare la nostra anima? Lo scopriremo sul prossimo numero… seguiteci!

Oriana Danieli
Ciao bambini! Sono Oriana, sono stata un’educatrice a scuola e a catechismo, e dal giorno del mio battesimo cerco di seguire Gesù sui suoi passi perché le sue parole sono come perle preziose! Ecco perché provo a raccontarvi il mondo di Dio!

Katia Gambaro
Ciao bambini! Sono Katia, sono più grande di voi, ma come voi sono cristiana e voglio molto bene al Signore (anche se Lui ce ne vuole molto di più!), quindi mi fa piacere condividere con voi la gioia e gli insegnamenti che il Signore mi ha donato fino ad oggi. Un abbraccio!

Commenta qui