Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Ischia “Plastic Free”!

per un mare senza plastica

Cari bambini, sapevate che Ischia è diventata “plastic free”?! Che bel colpo! Proprio una splendida notizia! Nel 2019, infatti, i sei comuni della nostra bella isola, attraverso un’assemblea (riunione) del Consorzio Intercomunale Servizi Ischia (CISI), hanno deciso di non usare più tutti quegli oggetti alimentari monouso (cioè che si usano una volta sola e poi si gettano via) fatti in plastica, che sono tra le principali fonti d’inquinamento del mare.

Tutti hanno votato per non usarli più, e così ora è vietato in tutto il territorio isolano, comprese le spiagge e tutta la fascia costiera, “l’uso, la detenzione, la commercializzazione e l’importazione di manufatti monouso ad uso alimentare in plastica (bicchieri, piatti, posate, nonché contenitori monouso utilizzati nella ristorazione e negli esercizi ricettivi, compresi i servizi di cosiddetto “take away”, ecc”.

Cosa vuol dire? Che possiamo e dobbiamo usare altri contenitori riutilizzabili più volte se desideriamo mangiare in spiaggia portandoci il cibo da casa, oppure se compriamo cibo da asporto (take away) allora ci sarà servito in contenitori compostabili, cioè riciclabili e biodegradabili.

Questo per evitare di ritrovarci le spiagge o i parchi pieni di plastica abbandonata che poi finisce sempre nel nostro mare, uccidendo i nostri pesci, inquinando la flora e la fauna marittima. Evviva! Finalmente una bella mossa per il nostro ambiente e la nostra salute!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo