Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Mons. Pizzaballa cardinale

Il patriarca Gerusalemme: “segno di attenzione verso questa Chiesa, un modo per ricordarne l’importanza non solo per la storia ma anche per le ferite che porta con sé”

“Un segno di attenzione del Santo Padre verso questa Chiesa, un modo per ricordarne l’importanza non solo per la storia ma anche per le ferite che porta con sé”. Così il patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa, ha commentato al Sir la sua nomina a cardinale annunciata ieri da Papa Francesco, durante l’Angelus, nell’ambito del Concistoro che si terrà il prossimo 30 settembre.

Pizzaballa sarà così, nella storia, il primo patriarca latino di Gerusalemme a ricevere la porpora cardinalizia. Una nomina arriva in un momento anche complicato per la comunità cristiana locale sempre più oggetto di aggressioni, abusi, espressioni di odio e oltraggi da parte dei coloni e delle frange più estremiste della destra israeliana. “Le violenze qui non sono una novità – ha affermato il patriarca –.

Ciò che ci preoccupa è questo crescere continuo della sfiducia che rappresenta il substrato culturale dal quale scaturisce questa violenza”. Parole che riecheggiano anche l’appello al negoziato lanciato da Papa Francesco, sempre all’Angelus: “Con dolore ho appreso che nuovamente è stato versato sangue in Terra Santa. Auspico che le Autorità israeliane e quelle palestinesi possano riprendere un dialogo diretto, al fine di porre termine alla spirale di violenza e aprire strade di riconciliazione e di pace”.

Per quanto riguarda la vita della Chiesa madre di Gerusalemme, Pizzaballa non ha dubbi: “Essa continuerà come prima, cambia il colore, rosso della porpora cardinalizia, ma non lo spirito con cui si lavora. Ma il rosso – ha aggiunto – non è solo il colore del sangue ma è anche quello della passione. Abbiamo bisogno di passione per la Terra Santa e metterci tutto il nostro cuore. Per me – è stata la conclusione – non cambia nulla e spero sia così anche per la comunità ecclesiale. Ci sono tante iniziative in corso. Spero che questo segno di attenzione sia uno sprone in più per la nostra comunità ad impegnarsi nella vita di fede”.

Fonte: Daniele Rocchi – Sir

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Abitare questo luogo santo

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della Celebrazione Eucaristica per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta V. e M. – 17 maggio, presso la Basilica Santuario in Lacco Ameno

Veglia Diocesana di Pentecoste

In occasione della Veglia per la Pentecoste il Vescovo Carlo, ispirato dalle parole di Papa Francesco, ci ha offerto un interessante percorso attraverso il significato dei sette doni dello Spirito