Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Trinità, unità di Dio

Gesù è l’espressione più alta e perfetta della carità, dell’amore del Padre che si rende presente a noi attraverso l’opera dello Spirito Santo

Il mistero della Santissima Trinità, secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica è il mistero centrale della fede e della vita cristiana. È il mistero di Dio in se stesso. È quindi la sorgente di tutti gli altri misteri della fede; è la luce che li illumina. È l’insegnamento fondamentale ed essenziale nella gerarchia delle verità di fede (CCC n. 234). 

La dottrina sulla Trinità è stata definita in modo preciso e dettagliato nei primi concili ecumenici della Chiesa, in particolare nel Concilio di Nicea del 325 d.C. e nel Concilio di Costantinopoli del 381 d.C. Secondo la dottrina cattolica, la Trinità è composta dalle tre persone divine: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Ognuna di queste persone è Dio, non ci sono tre dei, ma un solo Dio in tre persone. La Trinità rappresenta quindi l’unità di Dio nella diversità delle tre persone.

È importante sottolineare che, nonostante le loro differenti funzioni, le tre persone divine della Trinità sono inseparabili e condividono la stessa sostanza divina. In altre parole, non esiste alcuna gerarchia tra le tre persone, ma piuttosto una perfetta unità nella loro divinità. Ogni atto liturgico della Chiesa, dalla celebrazione comunitaria più solenne alla preghiera più semplice e individuale, inizia nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tutte le volte che ci rivolgiamo a Dio lo facciamo immersi nel mistero della Santissima Trinità.

Parlare della Trinità è certamente difficile, millenni di storia della cristianità non sono serviti a rendere una spiegazione assoluta ed esaustiva di questo mistero, gli stessi Padri della Chiesa hanno elaborato teorie e concezioni molto diverse e interessanti che hanno aiutato i cristiani ad avvicinarsi nel giusto modo alla Santissima Trinità. Tra tutti gli insegnamenti su questo mistero è utile ricordare il celebre episodio di Sant’Agostino. Un giorno Agostino passeggiava lungo la spiaggia meditando sul grande mistero della Trinità. Vide un bambino che, scavata una buca nella sabbia, vi versava l’acqua che attingeva con una conchiglia dal mare. Che fai, bambino mio? Voglio mettere il mare in questa buca… è impossibile… mettere il mare in una buca così piccola… E allora… come puoi tu richiudere nella tua piccola testa… Dio così infinito? Non è possibile al nostro limitato intelletto penetrare e scrutare fino in fondo il mistero della Trinità.

Sarebbe bello poterci tuffare in esso e scoprire le meravigliose armonie di amore che intercorrono tra il Padre e il Figlio, e tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Tuttavia, proprio il grande Agostino al termine del suo trattato sulla Trinità, De Trinitate, conclude con questa affermazione che sintetizza in modo meraviglioso quello che noi possiamo comprendere della Santissima Trinità, egli afferma; “Chi vede la carità vede la Trinità”. Parlare della Trinità, dunque, non è poi così estraneo a noi perché noi siamo immagine della Trinità.

Agostino afferma che la Trinità si rende visibile nella carità. Ecco allora il senso più profondo della Santissima Trinità; “Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito”. Gesù è l’espressione più alta e perfetta della carità, dell’amore del Padre che si rende presente a noi attraverso l’opera dello Spirito Santo. Ogni atto d’amore vero e gratuito porta in sé un riflesso della Trinità, tutte le volte che il cristiano sceglie di uniformare la propria vita a quella di Gesù e si sforza di amare come lui ha amato rende presente nel mondo un raggio della luce inaccessibile della Santissima Trinità. Se è vero che non possiamo comprendere fino in fondo il mistero della Trinità, guardando al crocifisso e all’infinito dono di carità che esso rappresenta, ci è dato di coglierne un raggio di luce.

Fonte: Paolo Morocutti – Sir

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo