Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

“Era di maggio…2003/2023 – vent’anni di noi”

L’Associazione Vicoli Saraceni ha festeggiato 20 anni di attività sul territorio di Forio

L’Associazione, nata nel 2003, in questi anni si è adoperata in attività finalizzate alla rivalutazione e alla valorizzazione del centro storico e dei suoi caratteristici vicoletti.

L’obiettivo è stato ed è di far conoscere e apprezzare il patrimonio artistico, culturale e paesaggistico, e le tradizioni di Forio, ai residenti, agli isolani e ai tanti turisti che scelgono Forio per le loro vacanze.

Con la guida della Presidente Prof. Anna Capodanno si va a spasso per le stradine di Forio con occhi attenti a osservare, cuore aperto nel sentire i battiti di chi ha vissuto quei luoghi prima di noi e orecchie pronte ad ascoltare non solo notizie ma anche storie di vita comune.

Una passeggiata in un paese tutto da amare, ove ogni angolo, ogni pietra racconta una storia, un’esperienza.

Tantissime le altre iniziative: maratone per adulti e bambini, gemellaggi anche con paesi di altre nazioni e, il nostro fiore all’occhiello, evento di ogni primavera, “Forio in fiore” in cui si festeggia la natura che spontaneamente si rinnova sul nostro territorio: cannaferre, cannucchiare, fasulle, tunz, ogne ‘e janare, ginestre e malve.

Altra bellissima iniziativa, da un’idea dello storico dell’arte Prof. Pierpaolo Mandl, è il rappresentare favole e fiabe per le stradine, i vicoletti, le torri e i portoni, facendo divertire grandi e piccini. Ovviamente i vari personaggi sono rappresentati da tutti i soci che si dimostrano abili e impavidi attori e sono i primi a divertirsi!

L’associazione ha collaborato con il comune di Forio e nello specifico con il progetto a cura del Maestro Gaetano Maschio “Note di Natale sotto l’albero” rappresentando una scena del presepe vivente. E poi ancora tante bellissime iniziative.

E come non si potevano festeggiare i primi 20 anni?

Si coglie quindi l’occasione per ringraziare l’amministrazione comunale, che ci ha dato la possibilità di festeggiare lungo il corso Francesco Regine tra la fontana e la Basilica S. Maria di Loreto; l’Arciconfraternita S. Maria di Loreto che ci ha permesso di offrire, davanti l’oratorio dell’Assunta, pane e pomodoro, pane e olio, rustici, dolci, vino, champagne e limoncello.

Si ringrazia ancora Mary Sportiello con le sue bravissime ballerine, il menestrello Francesco Mattera che ha suonato e cantato davanti alla fontana le più belle canzoni napoletane creando un corteo di foriani e turisti, fino all’oratorio dove era imbandita la tavola.

Diciamo grazie al dj Francesco De Chiara per la sua bella musica e, per finire, ringraziamo Doriana Barrile per il bellissimo video, realizzato assemblando foto e video, che narra un po’ i venti anni dell’associazione, e che è stato proiettato nell’oratorio dell’Assunta.

Un plauso a tutte le socie (ora solo donne) per la splendida iniziativa, con l’augurio di fare sempre di più e sempre meglio.

di Grazia Belgiovine

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo