Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Viva Cristo Re, Viva la Vita!

Sabato 20 maggio siamo scesi in piazza a Roma, sotto la pioggia, per gridare il nostro Sì alla vita. Non con una, non con dieci, non con cento, ma con migliaia di voci di famiglie, uomini, donne e bambini che assieme a Pro Vita & Famiglia e altre centinaia di associazioni hanno marciato per le strade di Roma alla Manifestazione Nazionale “Scegliamo la Vita”, testimoniando che la vita è un dono meraviglioso, sacro, che va accolto, custodito e difeso sempre Nonostante il maltempo, la pioggia e un cielo cupo, le strade di Roma si sono trasformate in fiumi colorati e gioiosi: sorrisi, risate, danze, canti, musiche e tanta, ma tanta bellezza!

Il 20 maggio si è tenuta la manifestazione annuale per la vita per le strade di Roma. Secondo gli organizzatori, circa 40000 persone e oltre 120 associazioni si sono ritrovate, nonostante il maltempo, a dire per l’ennesima volta il loro “Si!” alla vita. C’è da rilevare però un fatto molto importante riguardo questa gioiosa manifestazione. Oltre al “Si!” alla vita, dal concepimento alla morte naturale, vi è anche un fermo “No!” a tutte quelle azioni, spesso legittimate dallo Stato, che si realizzano contro la vita, soprattutto contro quella dei più fragili, come embrioni, feti, anziani, ammalati. Si tratta in primo luogo della legge 194 sull’aborto – i manifestanti chiedono senza mezzi termini la sua abolizione. Ma vi è anche una netta contrarietà alla fecondazione assistita, all’utero in affitto, all’eutanasia.

Come cristiani siamo chiamati a testimoniare il Vangelo, che significa anche protezione del debole, come appello concreto, impellente e inderogabile. Non siamo degni di essere chiamati cristiani se non difendiamo nostro fratello in difficoltà. “Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata… Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita” diceva San Giovanni Paolo II. Eppure, dobbiamo essere coscienti che questo appello di testimonianza è oggi non solo scomodo, in quanto opposto al sentire comune, ma contiene anche una dose di rischio. Un rischio che siamo tenuti ad accettare, se vogliamo essere discepoli autentici di Gesù che porta la Croce sul Calvario, un destino che ci è stato profetizzato (“Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?» Lc 22,31), ma di cui non dobbiamo avere affatto paura, anzi: «Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli» (Mt 5,10)

di Stefano Adrianopoli

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo