Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Si evangelizza con la vita

Il Papa ha ricevuto la Conferenza degli Istituti Missionari in Italia a 50 anni dalla nascita: Cristo si annuncia con la testimonianza intessuta di preghiera, non con programmi aziendali

Si evangelizza con la vita, insegnava san Francesco. Se poi serve, si parla pure. Lo “stile” più genuino di un apostolo è questo e il Papa lo riafferma incontrando in udienza la Conferenza degli Istituti Missionari in Italia per i 50 anni di fondazione, una realtà che promuove la missione ad gentes, facendosi “voce – sottolinea – di migliaia di missionari e missionarie”.

Si comincia dalla carità

La missione, ripete ancora una volta Francesco, è “l’ossigeno della vita cristiana”, “non è un optional o un aspetto marginale, ma una dimensione vitale, in quanto essa è nata apostolica e missionaria, plasmata dallo Spirito Santo come comunità “in uscita”. E dunque un’esperienza che parte dalle fibre più vitali del corpo e dell’anima. “Sia questo anche il vostro stile. Annunciare Cristo anzitutto con la testimonianza della vita. Per questo vi raccomando di coltivare la carità prima di tutto nelle e tra le vostre comunità, dentro e tra i vostri Istituti, armonizzando le differenze di cultura, di età, di mentalità, perché nella comunione ciascun carisma sia al servizio di tutti.”

Il meglio di sé

La missione scaturisce dalla preghiera e si modella con l’ascolto quotidiano della Parola di Dio e la vita dei Sacramenti, senza i quali non solo si inaridisce la vita cristiana ma anche l’azione apostolica, dice il Papa, diventa altro, “una mera dimensione sociologica o assistenziale. E alla Chiesa non interessa fare assistenzialismo”, magari condotto con “metodi” di proselitismo, perché il suo aiuto nasce invece dalla “testimonianza”. Concetti che Francesco ribadisce citando a più riprese l’Evangelii gaudium.

La missione non è un affare o un progetto aziendale, né un’organizzazione umanitaria o fare proselitismo. Essa è «qualcosa di molto più profondo, che sfugge ad ogni misura». Questo è un invito a spendersi con impegno, con creatività e generosità, ma senza scoraggiarsi se i risultati non corrispondono alle aspettative; a dare il meglio di sé, senza risparmiarsi, ma poi affidare tutto con fiducia alle mani del Padre; a mettercela tutta, ma lasciando che sia Lui a rendere fecondi i nostri sforzi come vuole.

E abbiate a cuore, conclude il Papa, “l’accoglienza dei poveri e dei piccoli, tra voi e verso le persone che servite nel vostro ministero, in spirito di inclusione e di servizio”.

Fonte: Alessandro De Carolis – Vatican News

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Essere autentici davanti al Signore

Omelia del Vescovo Carlo per il mercoledì delle Ceneri Gl 2,12-18; 2Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18 Con il mercoledì delle Ceneri, che quest’anno è caduto il 14 febbraio, inizia il nostro

Cosa sono gli Esercizi spirituali?

La sfida vera degli Esercizi, l’esercizio più difficile, è quella che ci si para dinanzi al rientro: come non disperdere le scintille di consolazione raccolte? Sant’Ignazio ci viene in soccorso,

Com’è la Chiesa sinodale in missione?

Verso la seconda sessione dell’assemblea del Sinodo dei Vescovi con la fase Sapienziale; poi tocca alla Profetica. In vista dell’appuntamento di ottobre «è il momento di riprendere con decisione il