Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il pianto del pentimento

Nella teologia e nella spiritualità cristiana moderna, il dono delle lacrime continua ad essere apprezzato come un segno di grazia e di crescita spirituale.

Il dono delle lacrime è un fenomeno spirituale molto noto nella tradizione cristiana, in particolare nel misticismo e nell’ascetismo. Si riferisce alla capacità di piangere per le proprie azioni sbagliate o per le sofferenze del mondo, come segno di pentimento e di compassione. Questa esperienza si basa sulla convinzione che le lacrime siano un dono di Dio, in quanto permettono di esprimere sentimenti profondi e di purificare l’anima. Esso si riferisce alla capacità di provare una profonda tristezza e contrizione per i propri peccati e per le sofferenze del mondo, portando alla purificazione e alla crescita spirituale attraverso il pianto. Le lacrime sono considerate un dono divino e un segno di grazia, che aiuta il credente a purificarsi e ad avvicinarsi a Dio.

Questo dono può essere fatto risalire alle Sacre Scritture e ai primi scritti cristiani. Gesù stesso ha pianto durante la sua vita terrena, mostrando così l’importanza e il valore delle lacrime. Inoltre, nella Bibbia, il pianto è spesso visto come un mezzo di preghiera e di pentimento, per esempio, nel Vangelo di Luca (7:36-50), una donna peccatrice piange ai piedi di Gesù, bagnandoli con le sue lacrime e asciugandoli con i suoi capelli. Gesù perdona i suoi peccati, sottolineando il valore delle lacrime come segno di pentimento e di amore. Nella tradizione monastica e ascetica il dono delle lacrime è stato particolarmente valorizzato. I Padri del deserto, monaci cristiani che vivevano nel deserto dell’Egitto nel IV secolo, enfatizzavano l’importanza delle lacrime come mezzo di purificazione e di preghiera. Essi ritenevano che le lacrime fossero il risultato della consapevolezza della propria fragilità e peccaminosità, e che il pianto fosse un mezzo per ottenere la misericordia di Dio e la liberazione dalle passioni mondane. Molti santi e mistici cristiani sono noti per aver ricevuto il dono delle lacrime.

Ad esempio, Pietro piange amaramente dopo aver rinnegato Gesù, mentre Maria Maddalena è spesso raffigurata in preghiera con le lacrime agli occhi. Altri santi, come San Francesco d’Assisi e Santa Caterina da Siena, sono noti per aver pianto spesso durante la preghiera e la meditazione. Nella teologia e nella spiritualità cristiana moderna, il dono delle lacrime continua ad essere apprezzato come un segno di grazia e di crescita spirituale. Esso viene spesso interpretato come un’esperienza di empatia e compassione per il dolore altrui, oltre che come un’espressione di pentimento per i propri peccati. Inoltre, questo dono viene visto come un modo per entrare in profondità nella preghiera e nell’esperienza di Dio. In conclusione, il dono delle lacrime nella tradizione spirituale cristiana è un fenomeno importante e rispettato, che si ritiene sia un segno di grazia e di profonda crescita spirituale. Esso sottolinea il valore del pentimento e della preghiera, e ci ricorda l’importanza dell’umiltà, della compassione e dell’amore nella vita spirituale.

di Paolo Morocutti

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo