Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Anche le donne avranno diritto di voto nel Sinodo

Non cambia la natura né il nome, ma cambia la composizione dei partecipanti all’assise

Papa Francesco rivoluziona il Sinodo dei Vescovi in vista dell’assemblea generale di ottobre sulla Chiesa sinodale disponendo il diritto di voto anche per le donne, oltre che per i laici.

Non cambia la natura né il nome, ma cambia la composizione dei partecipanti all’assise, alla quale prenderanno parte anche membri “non vescovi”, quindi laici nominati direttamente dal Papa, il 50% dei quali “si chiede” che siano donne. Tutti avranno diritto di voto, raggiungendo un numero di membri votanti pari a circa 370 su oltre 400 partecipanti complessivi.

Le nuove disposizioni, comunicate mercoledì con una lettera ai responsabili delle Assemblee continentali, non abrogano la vigente costituzione apostolica Episcopalis Communio del 2018 che già prevedeva la presenza di “non vescovi”. Con le novità odierne – motivate nel quadro del processo sinodale che Bergoglio ha voluto “dal basso” – si precisa il numero: 70 tra sacerdoti, consacrati, diaconi, laici, provenienti dalle Chiese locali e in rappresentanza del Popolo di Dio. Non ci saranno più quindi gli “uditori”.

“Un importante cambiamento”, puntualizzano i cardinali Mario Grech e Jean-Claude Hollerich, segretario generale e relatore generale del Sinodo, incontrando i giornalisti. “Si parla del 21% dell’Assemblea che rimane plenariamente un’Assemblea dei vescovi, con una certa partecipazione di non vescovi”, ribadisce Hollerich. “La loro presenza assicura il dialogo tra la profezia del popolo di Dio e il discernimento dei pastori”.

I membri “non vescovi” vengono nominati dal Papa da un elenco di 140 persone individuate dalle Conferenze episcopali e dall’Assemblea dei Patriarchi delle Chiese Orientali cattoliche (20 per ognuno). Si chiede che la metà siano donne e si valorizzino i giovani. Nella scelta si tiene conto di cultura generale, “prudenza”, ma anche conoscenza e partecipazione nel processo sinodale. In quanto membri hanno diritto di voto. Ad avere diritto di voto saranno anche le cinque religiose e i cinque religiosi eletti dalle rispettive organizzazioni di Superiore Generali e Superiori Generali. Essi – e questa è l’altra novità – prendono il posto dei dieci chierici degli Istituti di vita consacrata previsti in passato.

 Tutte le elezioni – svolte in plenaria e a scrutinio segreto dai rispettivi Sinodi, Consigli e Conferenze episcopali – devono essere ratificate dal Papa. E finché il Papa non conferma l’elezione, i nomi degli eletti non sono noti al pubblico. Parlando di “una mossa storica”, la Women’s Ordination Conference “celebra questo sviluppo nella storia della Chiesa verso una maggiore corresponsabilità ed equità tra donne e uomini al Sinodo”. “Una crepa significativa nel soffitto di cristallo”, la definisce, e “il risultato di una sostenuta difesa, attivismo e testimonianza della campagna collaborativa ‘Voti per le donne cattoliche’, di cui la Conferenza per l’ordinazione delle donne ha svolto un ruolo fondante”.

Fonte: Tgcom24

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Il pericolo dell’accidia

Un altro vizio trattato dal Papa durante la catechesi del mercoledì è quello insidioso dell’accidia: «Tra tutti i vizi capitali ce n’è uno che spesso passa sotto silenzio, forse a

gesù che cammina solo nel deserto

Riempirsi gli occhi di bellezza

Commento al Vangelo Mc 9,2-10 Non è facile attraversare il deserto e non è facile vivere la quaresima senza ridurla a qualche preghiera in più o qualche digiunino. Forse qualcuno

Abbattere ogni barriera

Nell’omelia per la celebrazione della Giornata del malato, il Vescovo Carlo ci spiega il significato della guarigione del lebbroso Lv 13,1-2.45-46; 1Cor 10,31-11,1; Mc 1,40-45 Nella Giornata del malato, domenica

Tra S. Giovanni, S. Francesco e S. Marco

Settimana della Parola Parrocchia Santa Maria Assunta Anche quest’anno in parrocchia abbiamo vissuto la Settimana della Parola: un momento atteso dalla comunità perché un passo della Bibbia, che diversamente leggiamo