Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Cari bambini, il nostro viaggio della Quaresima 2023 è appena iniziato; andiamo avanti insieme, sempre accompagnati da Volley, il nostro amico trolley, verso Gesù e verso la II Domenica di Quaresima. Stavolta Gesù e i suoi discepoli sono in viaggio verso Gerusalemme e stanno camminando verso la passione che attenderà proprio Gesù. I discepoli non hanno ancora ben chiaro che cosa succederà; sono provati dalla stanchezza, dalle domande. Gesù lo sa ed è proprio per questo che propone un “fuori programma”: li conduce su di un monte, il monte Tabor.

Lì succede qualcosa di unico: Gesù fa esplodere la vita, fa esplodere la luce, dà la carica ai suoi, li rincuora, apre una finestra verso il Cielo; fa vedere cosa li aspetta: la vita piena. Gesù si illumina, si trasfigura, cioè cambia aspetto, ma è anche lo sguardo degli apostoli che cambia, diventa uno sguardo innamorato che sa notare in Gesù la vera bellezza, il vero senso della vita. E per noi? Un aiuto a guardare oltre ci può arrivare solo dall’ascolto della Parola di Dio, leggendo con attenzione e in silenzio la Bibbia, in particolare i Vangeli. Tutti noi siamo chiamati a ‘trasfigurarci’, non tanto nell’aspetto fisico, quanto soprattutto dentro di noi, nel nostro cuore, nella nostra mente e nella nostra anima: nei momenti di fatica, di dubbio, di stanchezza, il Signore Gesù ci invita a guardare a Lui, ad incrociare il Suo sguardo innamorato di noi, invita a fidarci e a lasciarci illuminare dalla Sua presenza e allora ecco che la nostra vita inizierà a brillare un po’ della Sua luce con la nostra.

Il Signore ci aiuti ogni giorno nel nostro viaggio ad ascoltare la Sua voce, a prendere sul serio il Suo Vangelo scritto per noi e ad innamorarci di Lui che è sempre accanto a noi, pronto a dirci, come ai discepoli: “Àlzati e non temere, cammina con serenità nelle onde dei nostri giorni”. Sappiamo che in ogni viaggio ci sono momenti incantevoli, luoghi fatati e punti panoramici bellissimi in cui lo sguardo improvvisamente si apre così tanto e vede oltre, in cui il cuore capisce che la vera meta è il viaggio stesso vissuto bene, ed intuisce la presenza silenziosa di Dio al proprio fianco in tutta quella bellezza. In quei momenti tutto questo si fissa nell’anima come una fotografia e non se ne va più! In questa domenica mettiamo, quindi, nel nostro bagaglio una fotocamera, per fissare nella memoria e nel cuore gli istanti in cui abbiamo riconosciuto che la strada era giusta e che Qualcuno camminava con noi. Poi il viaggio continua a casa, e da quei momenti incantati bisogna tornare alla realtà, ma con la foto in tasca. Per quale motivo? Perché, nel nostro “diario di viaggio”, quando siamo chiamati ad affrontare passaggi impervi e ombrosi possiamo riguardarla e ricordarci di quella luce, di quella bellezza che sempre ci accompagna.

Aiutiamoci in questo, ancora una volta, con una breve preghiera, ma potente: “Signore, il cammino della vita non è sempre facile, ci sono ostacoli, pericoli e salite impegnative. Tu però ci insegni che non c’è gioia senza sacrificio. Aiutaci a non fermarci alla fatica del viaggio, ma a guardare oltre, a “lanciare il cuore oltre l’ostacolo”, sicuri che Tu sempre ci precedi. Insegnaci a custodire e a lasciarci stupire dagli scorci di paradiso lungo la via che ci rivelano la Tua presenza e il Tuo amore per noi. Caro Gesù, anche se non Ti abbiamo visto con i nostri occhi, desideriamo essere tuoi amici e tenerti vicino al nostro cuore ogni giorno”. Amen!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Essere autentici davanti al Signore

Omelia del Vescovo Carlo per il mercoledì delle Ceneri Gl 2,12-18; 2Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18 Con il mercoledì delle Ceneri, che quest’anno è caduto il 14 febbraio, inizia il nostro

Cosa sono gli Esercizi spirituali?

La sfida vera degli Esercizi, l’esercizio più difficile, è quella che ci si para dinanzi al rientro: come non disperdere le scintille di consolazione raccolte? Sant’Ignazio ci viene in soccorso,

Com’è la Chiesa sinodale in missione?

Verso la seconda sessione dell’assemblea del Sinodo dei Vescovi con la fase Sapienziale; poi tocca alla Profetica. In vista dell’appuntamento di ottobre «è il momento di riprendere con decisione il