Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Una scelta richiesta dal popolo

La Chiesa greco-cattolica ucraina passa al nuovo calendario

Mons. Martynyuk: “Segno della nostra indipendenza dal mondo sovietico”

Dal 1° settembre 2023 la Chiesa greco-cattolica ucraina in Ucraina passerà al calendario gregoriano per le festività fisse mantenendo l’attuale calcolo della Pasqua. Lo ha dichiarato il Capo della Chiesa greco-cattolica ucraina Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk nella diretta di “Live TV“, annunciando questa “decisione storica” del Sinodo dei Vescovi della Chiesa greco-cattolica ucraina. Mons. Teodor Martynyuk, presente al Sinodo, spiega così le ragioni del cambiamento: “È un tema su cui stavamo discutendo da tempo ma dopo il 24 febbraio questo processo è stato accelerato. Non è stata una decisione proposta dall’alto ma partita dal popolo stesso”.

“Un segnale di indipendenza” dal mondo sovietico e da un passato “terribile e oscuro”. Un gesto di opposizione e distanziamento dalla posizione assunta dalla Chiesa ortodossa russa del Patriarcato di Mosca che “apertamente ha appoggiato l’invasione dell’esercito russo sul territorio ucraino”. Ma soprattutto il segno che il popolo ucraino desidera vivere le feste cristiane in comunione con Papa Francesco e i “fratelli e le sorelle in Europa”. Così mons. Teodor Martynyuk, vescovo ausiliare di Ternopil-Zboriv, presente al Sinodo dell’1 e 2 febbraio della Chiesa greco-cattolica ucraina, spiega la “decisione storica” di passare a partire dal 1° settembre 2023 al calendario gregoriano per le festività fisse mantenendo l’attuale calcolo della Pasqua.

Eccellenza, come è maturata questa decisione?
Da tempo discutevamo questo problema del calendario. Fino ad oggi abbiamo seguito il calendario giuliano. Le esigenze pastorali, ma soprattutto le richieste da parte del popolo ci hanno spinto a riflettere su questo cambiamento e decidere di aderire al calendario nuovo, salvaguardando ancora le date che riguardano la Pasqua e le feste legate alla Resurrezione. Ci sono quindi soprattutto ragioni di tipo pastorali. C’è anche un’altra ragione: abbiamo sempre voluto fare questo passo insieme ai nostri fratelli ortodossi. In questo periodo di guerra e di profonde sofferenze, tutto il nostro popolo si è unito nella comunione perché abbiamo capito che solo insieme possiamo sopravvivere a questa invasione russa. Abbiamo visto che anche i nostri fratelli ortodossi della Chiesa autocefala ucraina stanno proseguendo su questa strada e si preparano al cambiamento. Per adesso il Sinodo ortodosso ha deciso di dare questo permesso alle parrocchie che si sentono pronte al cambiamento. Quindi è un passo che gradualmente facciamo insieme.

Quanto ha influito su questa decisione l’invasione russa su vasta scala cominciata lo scorso anno il 24 febbraio?

Purtroppo, siamo rimasti molto toccati e rattristati dalla posizione assunta dalla Chiesa ortodossa russa del Patriarcato di Mosca che apertamente ha appoggiato l’invasione dell’esercito russo sul territorio ucraino. Tutto il popolo ucraino – greco-cattolici e ortodossi – ha vissuto questa posizione come una proposta non cristiana, non evangelica, non conforme all’insegnamento di Cristo. La Chiesa ortodossa russa segue il calendario giuliano. Per questo tanti ucraini hanno cominciato a dire: ‘basta, non vogliamo più vivere con loro le celebrazioni delle feste. Vogliamo distaccarci, seguire la nostra strada’. Quindi, è vero che l’invasione russa ha influito sulla decisione. È un tema su cui stavamo discutendo da tempo ma dopo il 24 febbraio questo processo è stato accelerato. Non è stata una decisione proposta dall’alto ma partita dal popolo stesso.

Secondo lei quale segnale lancia questo cambiamento?

La prima cosa è che consideriamo i cattolici in Europa come nostri fratelli e sorelle e perciò vogliamo festeggiare e celebrare queste feste insieme al Santo Padre, con i vescovi e il popolo in Europa. È anche un segnale di indipendenza dal mondo sovietico e da questo passato terribile e oscuro che abbiamo vissuto durante il periodo sovietico. Non potevamo farlo prima. Lo abbiamo fatto adesso.

Insomma, una sorta di Euromaidan liturgico?

Esatto.

Fonte: M. Chiara Biagioni – SIR
Immagine: Mons. Teodor Martynyuk, vescovo ausiliare di Ternopil (Foto Ugcc)

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Essere autentici davanti al Signore

Omelia del Vescovo Carlo per il mercoledì delle Ceneri Gl 2,12-18; 2Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18 Con il mercoledì delle Ceneri, che quest’anno è caduto il 14 febbraio, inizia il nostro

Cosa sono gli Esercizi spirituali?

La sfida vera degli Esercizi, l’esercizio più difficile, è quella che ci si para dinanzi al rientro: come non disperdere le scintille di consolazione raccolte? Sant’Ignazio ci viene in soccorso,

Com’è la Chiesa sinodale in missione?

Verso la seconda sessione dell’assemblea del Sinodo dei Vescovi con la fase Sapienziale; poi tocca alla Profetica. In vista dell’appuntamento di ottobre «è il momento di riprendere con decisione il