Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Le cose di valore non costano nulla

Bentrovati, cari bambini; che bello incontrarsi ogni settimana! Anzi, diciamo che è bello vedersi sempre! Eh, sì. Per tanto tempo la pandemia ci ha isolati dagli amici e dai parenti. Piano piano, stiamo uscendo da un periodo un po’ difficile che, però, ci ha insegnato quanto sono importanti le piccole cose di tutti i giorni che, prima, davamo per scontate. Non è vero? Sapete una cosa, bambini? Ci sono persone che vivono sempre questa situazione difficile perché, magari, hanno una malattia e non possono uscire o, semplicemente, non possono vedere.

Ecco bambini, nel Vangelo di Marco, di domenica 24 ottobre, parliamo proprio del bellissimo incontro tra Gesù e un cieco di nome Bartimeo: “In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gérico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, (Maestro) che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada”.

Bartimeo aveva riconosciuto in Gesù il Messia inviato da Dio. Infatti, lo chiama “Figlio di Davide!”, come discendente del Re, e lo chiama anche per nome perché, per la sua fede, lo ha riconosciuto. E come ha fatto a riconoscerlo? Bartimeo aveva riconosciuto Gesù perché aveva ascoltato col cuore la Sua parola!

E quando ascoltiamo davvero la parola di Gesù, lo cerchiamo e lo preghiamo! Ecco, Bartimeo non solo prega, ma urla: “Abbi Pietà di me!”. E sapete perché? Perché sa che Gesù è il Dio che ha misericordia (cioè compassione, comprensione, e umanità) di ognuno di noi, anche di lui che è un povero cieco.

Così non gli importa se tutti gli dicono di tacere: lui urla più forte! In quel modo sta pregando con tutto il cuore e con tutte le sue forze per farsi ascoltare da Gesù. Non ha paura di disturbarlo! Sì, perché a volte capita di pensarlo vero? Magari crediamo che, nel mondo, ci siano persone che hanno bisogno di Dio più di noi e pensiamo che il Signore non abbia tempo per le nostre piccole preghiere.

Bambini, la verità non è questa! Bartimeo, infatti, chiama ancora e ancora fino a toccare il cuore di Gesù che lo vuole vicino a sé e gli dice: “Cosa vuoi che io faccia per te?”. E lo dice anche a noi perché Gesù è sempre accogliente. È sempre pronto ad ascoltarci, è sempre pronto a servire, e ogni volta che ci avviciniamo a Lui ci chiede: “Cosa vuoi che io faccia per te?”.

A questa domanda Bartimeo risponde: “Maestro mio, che io riabbia la vista!”, e subito comincia a vedere. Non aspetta nemmeno un istante e immediatamente si mette a seguire Gesù. Chissà cosa avremmo fatto noi. Forse, per prima cosa, avremmo guardato le persone attorno!

Bartimeo, invece, subito “prese a seguirlo per la strada” senza fermarsi a guardare. E diventò suo discepolo. Il vero dono, per Bartimeo, è stato quello di seguire Gesù: questo è il vero frutto della preghiera! E cosa ci insegna? Ci dice che se la preghiera viene dal cuore, ci sarà sempre una risposta! Potrebbe essere quello che avevamo chiesto, oppure no; potremo vederne subito gli effetti o essere un po’ ciechi come Bartimeo: non importa. E sapete perché? Perché la vera preghiera, cari bambini, non è mai inutile!

E che sia alla luce del sole o nel buio, lei lavora e, come una freccia, arriva dritta al cuore di Dio!

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

La vera gioia!

Commento al Vangelo Mc 6,30-34 Siamo al termine della prima missione degli apostoli. Quanti di noi ricordano la prima volta che ci è stato dato un incarico? Vi ricordate l’entusiasmo

Mai da soli

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della celebrazione eucaristica del 10 luglio scorso nell’ambito del Summer Holiday dell’Unitalsi Napoli, presso l’Hotel Re Ferdinando in Ischia Porto Os 10,1-3.7-8.12; Mt 10,1-7