Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

La nostra idea di cura: gratuita, di qualità, per tutti

Che cosa è Emergency

Crediamo che essere curati sia un diritto umano fondamentale e che, come tale, debba essere riconosciuto a ogni individuo.
Perché le cure siano veramente accessibili, devono essere completamente gratuite; perché siano efficaci, devono essere di alta qualità.

Strutture moderne, funzionali, efficienti

Costruiamo gli ospedali dove lavoriamo per garantire il livello di cure più alto possibile: sin dalla fase del progetto, abbiamo l’obiettivo di creare un ambiente di lavoro efficiente per lo staff e confortevole per i pazienti.

Utilizziamo fonti energetiche alternative e soluzioni ecologiche per lo smaltimento dei rifiuti: conteniamo i costi di manutenzione e rispettiamo l’ambiente, a Khartoum come a Kabul.

Vogliamo che i nostri ospedali siano anche belli, “scandalosamente belli”: perché la bellezza diventa segno di rispetto verso persone profondamente segnate dalla guerra o dalla malattia e un luogo bello offre le condizioni essenziali per recuperare dignità nella sofferenza.

Gino Strada, chirurgo e fondatore di EMERGENCY

I giardini

Dotiamo ogni ospedale di un giardino, di spazi gioco per i bambini e luoghi di aggregazione: i nostri ospedali sono belli, oltre che funzionali, perché la bellezza riconosce rispetto e dignità.

Attorno a quei giardini di rose, di girasoli e di cespugli fioriti si radunano i pazienti dell’ospedale. E quei pochi metri quadrati di colori e di pace diventano il loro punto di ritrovo, il loro sfogo per lo sguardo e per la mente.

Roberto, infermiere di EMERGENCY in Afghanistan

Formazione e lavoro per il personale nazionale

Interveniamo nelle emergenze, ma guardiamo anche un po’ più in là: offriamo al personale locale formazione teorica e pratica perché possa diventare autonomo e indipendente.

Nelle assunzioni del personale ausiliario diamo la precedenza alle fasce più svantaggiate della popolazione: offriamo a vedove, amputati e vittime di guerra la possibilità di guadagnarsi da vivere ed essere indipendenti.

Oltre 80.000 pasti offerti ogni mese

Garantiamo tre pasti al giorno ai nostri pazienti e ai loro familiari: forniamo gratis oltre 80 mila pasti al mese in Paesi dove in ospedale si paga anche il cibo.

È questa la nostra idea di cura: costruire e gestire ospedali in cui noi stessi faremmo curare le persone che ci stanno a cuore.

Per capire se l’obiettivo è raggiunto, ci poniamo una semplice domanda: “Ricovererei mia madre o mio fratello in quest’ospedale?”. Se la risposta è sì, significa che stiamo facendo un buon lavoro.

Luca, infermiere e coordinatore medico di EMERGENCY in Afghanistan dal 2010 al 2016

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

La vera gioia!

Commento al Vangelo Mc 6,30-34 Siamo al termine della prima missione degli apostoli. Quanti di noi ricordano la prima volta che ci è stato dato un incarico? Vi ricordate l’entusiasmo

Mai da soli

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della celebrazione eucaristica del 10 luglio scorso nell’ambito del Summer Holiday dell’Unitalsi Napoli, presso l’Hotel Re Ferdinando in Ischia Porto Os 10,1-3.7-8.12; Mt 10,1-7