Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il Premio per la carriera Ischia Film Festival a Oliver Stone nella splendida cornice del castello Aragonese.

La serata del 30 giugno il piazzale delle Armi del Castello Aragonese di Ischia ha fatto da scenario privilegiato ad un evento eccezionale: il patron dell’IFF Michelangelo Messina la ha aperta con un caloroso benvenuto al regista americano Oliver Stone offrendogli una rassegna visiva di spezzoni tratti dai suoi maggiori successi da Platoon, passando per JkF a Any Given Sunday proiettato in lingua originale durante la serata.

Il giornalista Antonio Capelluto ha dialogato con un disponibilissimo Stone tradotto dall’interprete Jiulia De Angelis che si è raccontato in una conversazione amichevole. Partendo dal film Any Given Sunday e dalle parole che l’allenatore Tony D’Amato rivolge ai suoi giocatori dopo quarto sconfitte sulla necessità di salvarsi come collettività o essere sconfitti come individui Capelluto ha chiesto a Stone se considerasse ancora attuale questa riflessione in un momento in cui il mondo esce dalla pandemia. Stone ha posto l’accento sulla necessità di sperare nelle nuove generazioni e sulla importanza di salvaguardare il pianeta dal climate change tema del suo ultimo lavoro: Bright future.

Stone ha confessato quanto per lui sia sempre stata importante la macchina da presa da considerare come essere vivente alla stregua del regista e degli attori.  Un regista si esprime attorno a un tema trattato negli anni, facendo riferimento alle sue esperienze biografiche essenziali come è stato per lui nel ’67 l’arruolamento in Vietnam che ha portato alla creazione del film Platoon.

Oliver Stone ha dichiarato che la carrellata iniziale dei suoi film gli ha confermato che tutta la sua filmografia ha narrato storie di persone che hanno attraversato l’inferno per uscirne dopo aver combattuto col proprio dolore. La consegna del premio alla carriera dell’Ischia Film Festival 2021 ha celebrato la presenza di un grande del cinema sulla nostra isola tra gli altri ma unico nella sua genialità.

A cura di Anna di Corcia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*