Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up
mani unite in preghiera su bibbia

La preghiera vocale

Il Santo Padre continua la catechesi sulla preghiera, sviluppando anche l’aspetto della preghiera vocale: «La preghiera è dialogo con Dio; e ogni creatura, in un certo senso, “dialoga” con Dio. Nell’essere umano, la preghiera diventa parola, invocazione, canto, poesia…

La Parola divina si è fatta carne, e nella carne di ogni uomo la parola torna a Dio nella preghiera. Le parole sono nostre creature, ma sono anche nostre madri, e in qualche misura ci plasmano. Le parole di una preghiera ci fanno attraversare senza pericolo una valle oscura, ci dirigono verso prati verdi e ricchi di acque, facendoci banchettare sotto gli occhi di un nemico, come ci insegna a recitare il salmo (cfr Sal 23).

Le parole nascono dai sentimenti, ma esiste anche il cammino inverso: quello per cui le parole modellano i sentimenti. La Bibbia educa l’uomo a far sì che tutto venga alla luce della parola, che nulla di umano venga escluso, censurato.

Soprattutto il dolore è pericoloso se rimane coperto, chiuso dentro di noi… Un dolore chiuso dentro di noi, che non può esprimersi o sfogarsi, può avvelenare l’anima; è mortale. … La prima preghiera umana è sempre una recita vocale. … La preghiera del cuore è misteriosa e in certi momenti latita. La preghiera delle labbra, quella che si bisbiglia o che si recita in coro, è invece sempre disponibile, e necessaria come il lavoro manuale. …

Tutti dovremmo avere l’umiltà di certi anziani che, in chiesa, forse perché ormai il loro udito non è più fine, recitano a mezza voce le preghiere che hanno imparato da bambini, riempiendo la navata di bisbigli. Quella preghiera non disturba il silenzio, ma testimonia la fedeltà al dovere dell’orazione, praticata per tutta una vita, senza venire mai meno. Questi oranti dalla preghiera umile sono spesso i grandi intercessori delle parrocchie: sono le querce che di anno in anno allargano le fronde, per offrire ombra al maggior numero di persone. Solo Dio sa quando e quanto il loro cuore fosse unito a quelle preghiere recitate: sicuramente anche queste persone hanno dovuto affrontare notti e momenti di vuoto. Però alla preghiera vocale si può restare sempre fedeli. È come un ancora: aggrapparsi alla corda per restare lì, fedeli, accada quel che accada».

Il Serafico Padre Francesco è stato il cantore di Dio per eccellenza, amava pregare ritirandosi in luoghi solitari, spesso cantando, lodando Dio nelle sue creature. A volte si ritirava in silenzio nella celletta del suo cuore, in intimità col Signore. In base al suo stato d’animo del momento pregava come meglio il cuore gli suggeriva, in ogni modo era la preghiera giusta. Il suo essere diventato preghiera non sfuggiva ai suoi frati che, ammirati volevano imitarlo.

Un giorno, mentre stava per pregare a voce il Padre Nostro, si fermò alle prime due parole, contemplando in modo sublime il grande mistero di sapere Dio come Padre ma anche Nostro. Questa consapevolezza lo riempiva di gioia, sentendosi fratello di Cristo e figlio di Maria Santissima, fratello di ogni creatura, figlio amato dal Padre di un amore soprannaturale. Un giorno “Francesco percorreva la valle Spoletana. … vide raccolti insieme moltissimi uccelli d’ogni specie. … disse loro: «Fratelli miei uccelli, dovete lodare molto e sempre il vostro Creatore perché vi diede piume per vestirvi, ali per volare e tutto quanto vi è necessario.

Dio vi fece nobili tra le altre creature e vi concesse di spaziare nell’aria limpida: voi non seminate e non mietete, eppure Egli vi soccorre e guida, dispensandovi da ogni preoccupazione». A queste parole, come raccontava lui stesso e i frati che erano stati presenti, gli uccelli manifestarono il loro gaudio secondo la propria natura, con segni vari, allungando il collo, spiegando le ali, aprendo il becco e guardando a lui. Egli poi andava e veniva liberamente in mezzo a loro, sfiorando con la sua tonaca le testine e i corpi. Infine li benedisse col segno di croce dando loro licenza di riprendere il volo” (FF 424).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*