Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il banco del mutuo soccorso

Il banco del mutuo soccorso

Viene in mente il nome del gruppo musicale rock progressivo famoso negli anni ’70 e ’80 nel raccontare questa storia bella di carità e solidarietà che vede protagonista un parroco – don Pasquale Mattera – e la sua comunità, S. Angelo e Succhivo, un parroco che ha colto l’occasione della raccolta organizzata per il 13 e 14 marzo scorso a favore della Caritas diocesana per educare il suo gregge alla solidarietà e al “reciproco soccorso”.

Raggiunto telefonicamente, don Pasquale ci ha raccontato, non senza qualche esitazione poiché non ama farsi pubblicità, come sono giunti a consegnare il 23 marzo scorso una cospicua donazione di alimenti alla Caritas diocesana presso il Centro Papa Francesco.

Don Pasquale ha raccontato come il fine settimana del 13-14 marzo le cose non siano andate molto bene, ma lui ha avuto l’dea di non fermarsi, poiché “la carità non si ferma” e se una strada si interrompe è necessario trovare vie alternative.

Ecco quindi che ha pensato e ha proposto alla sua comunità, appunto, di non fermarsi e di proseguire la raccolta spontaneamente per tutta la settimana successiva a domenica 14. La risposta è stata generosa e sollecita e ha consentito di raggiungere un ottimo ‘raccolto’, come è possibile constatare anche consultando il profilo Facebook della Caritas isolana.

Ciò che però conta veramente – ci ha precisato don Pasquale – non è tanto il risultato concreto, apprezzabile, ma il messaggio di solidarietà che attraverso questa operazione è stato filtrato alla comunità.

La raccolta infatti non è andata a favore delle persone indigenti della stessa comunità (può infatti capitare che una comunità non abbia persone indigenti al suo interno), ma a favore della Caritas diocesana, che tanto si spende tutto l’anno per tutti coloro che hanno necessità, non solo di generi alimentari.

È nello stile della Quaresima coltivare non solo la dimensione spirituale e il rapporto con Dio attraverso la preghiera, l’adorazione, le giornate eucaristiche, le Quarantore, ma anche avere nello stesso tempo un pensiero per gli altri e coltivare la carità verso i bisognosi.

Ma soprattutto è importante la collaborazione con la Caritas diocesana. Le Caritas parrocchiali devono collaborare con quella diocesana e quindi questo è lo scopo, essere solidali con i bisognosi, ma anche con chi si spende per i bisognosi e questo è il caso della Caritas isolana con tutti i suoi operatori.

Don Pasquale ha espresso la sua soddisfazione per la buona riuscita dell’iniziativa, poiché è riuscita a far comprendere che nessuno è isolato e nessuno può pensare solo a se stesso e al proprio orticello. È necessario mettere in campo azioni di mutuo soccorso, educando ed educandosi alla reciprocità.

di Anna Di Meglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*