Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

La preghiera con le Sacre Scritture

La preghiera con le Sacre Scritture

Papa Francesco continua la catechesi sulla preghiera. Chi legge la Sacra Scrittura deve necessariamente affidarsi alla preghiera, senza la quale la lettura rischia di essere sterile: «Il Catechismo afferma: «La lettura della Sacra Scrittura dev’essere accompagnata dalla preghiera – la Bibbia non può essere letta come un romanzo –, affinché possa svolgersi il colloquio tra Dio e l’uomo». Così ti porta la preghiera, perché è un dialogo con Dio. Quel versetto della Bibbia è stato scritto anche per me, secoli e secoli fa, per portarmi una parola di Dio. È stato scritto per ognuno di noi. A tutti i credenti capita questa esperienza: un passo della Scrittura, ascoltato già tante volte, un giorno improvvisamente mi parla e illumina una situazione che sto vivendo. Ma bisogna che io, quel giorno, sia lì, all’appuntamento con quella Parola, sia lì, ascoltando la Parola. Tutti i giorni Dio passa e getta un seme nel terreno della nostra vita. Non sappiamo se oggi troverà un suolo arido, dei rovi, oppure una terra buona, che farà crescere quel germoglio. Dipende da noi, dalla nostra preghiera, dal cuore aperto con cui ci accostiamo alle Scritture perché diventino per noi Parola vivente di Dio. Dio passa, continuamente, tramite la Scrittura. E riprendo quello che ho detto la settimana scorsa, che diceva Sant’Agostino: “Ho timore del Signore quando passa”. Perché timore? Che io non lo ascolti, che non mi accorga che è il Signore. Attraverso la preghiera avviene come una nuova incarnazione del Verbo. … ».
Il nostro Serafico Padre Francesco è stato il grande santo che tutti conosciamo perché ha fatto della Sacra Scrittura il suo pane quotidiano. Da giovane la sua trasformazione interiore era dovuta dall’ascolto, prima dall’ascolto della voce di Dio nel suo cuore che lo chiamava a servire il Padrone invece del servo, poi dall’ascolto del Crocifisso di San Damiano che lo invitava a riparare la Sua Chiesa in rovina, ma quando aveva bisogno di confermare le sue ispirazioni interiori leggeva o ascoltava con attenzione la Parola della Bibbia, soprattutto quella del Vangelo. All’inizio, nel terzo anno della sua conversione, Francesco si mise a riparare anche la chiesetta della Porziuncola, anch’essa dismessa. “Ma un giorno in cui in questa chiesa si leggeva il brano del Vangelo relativo al mandato affidato agli Apostoli di predicare, il Santo, che ne aveva intuito solo il senso generale, dopo la Messa, pregò il sacerdote di spiegargli il passo. Il sacerdote glielo commentò punto per punto, e Francesco, udendo che i discepoli di Cristo non devono possedere né oro, né argento, né denaro, né portare bisaccia, né pane, né bastone per via, né avere calzari, né due tonache, ma soltanto predicare il Regno di Dio e la penitenza, subito, esultante di Spirito Santo, esclamò: «Questo voglio, questo chiedo, questo bramo di fare con tutto il cuore!». S’affretta allora il padre santo, tutto pieno di gioia, a realizzare il salutare ammonimento; non sopporta indugio alcuno a mettere in pratica fedelmente quanto ha sentito: si scioglie dai piedi i calzari, abbandona il suo bastone, si accontenta di una sola tunica, sostituisce la sua cintura con una corda. Da quell’istante confeziona per sé una veste che riproduce l’immagine della croce, per tener lontane tutte le seduzioni del demonio; la fa ruvidissima, per crocifiggere la carne e tutti i suoi vizi e peccati, e talmente povera e grossolana da rendere impossibile al mondo invidiargliela! Con altrettanta cura e devozione si impegnava a compiere gli altri insegnamenti uditi. Egli infatti non era mai stato un ascoltatore sordo del Vangelo, ma, affidando ad una encomiabile memoria tutto quello che ascoltava, cercava con ogni diligenza di eseguirlo alla lettera (FF 356)”.
Papa Francesco conclude la catechesi con un semplice invito: «Le Sacre Scritture sono un tesoro inesauribile. Il Signore conceda, a tutti noi, di attingervi sempre più, mediante la preghiera. Grazie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*