Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

L’Agenda 2030

Cari bambini, nel numero scorso vi abbiamo raccontato di cosa sta succedendo alle api e di cosa possiamo fare insieme per salvarle. Abbiamo visto che le api sono in pericolo perché l’uomo usa delle cose che fanno male alle piante, delle “medicine” e dei prodotti (pesticidi) per allontanare gli insetti, gli animali e le malattie che colpiscono il Regno Vegetale.

Tutte queste cose sono nocive, cioè non fanno per nulla bene, oltre che alle piante, anche agli insetti che appunto si avvicinano ad esse, come gli insetti impollinatori. Abbiamo usato parolone un po’ difficili per spiegare cosa possono fare le nazioni e i governi per fermare questo grande pericolo per il nostro Pianeta. E ci chiedevamo: perché si parla di Sviluppo Sostenibile e Agenda 2030? Forse alcuni di voi ne avranno sentito già parlare a scuola; vediamo insieme, con l’aiuto di un libro, di cosa si tratta: l’Agenda 2030 è un programma di vita per tutta la popolazione mondiale, per vivere meglio tutti insieme, alla pari.

Questa Agenda ha 17 obbiettivi da raggiungere e una durata, dal 2015 (quando questo patto è stato firmato dall’ONU) al 2030. Entro il 2030, quindi, questi obbiettivi dovranno essere raggiunti, perché la Terra non sta bene, e le sue risorse naturali stanno via via finendo, sia perché negli ultimi due secoli e mezzo la popolazione mondiale si è moltiplicata di circa dieci volte (quindi a mangiare e a vivere siamo di più), e sia perché queste risorse vengono “saccheggiate” da alcuni che si dimenticano di altri. E lo Sviluppo Sostenibile? Che parole difficili! In realtà è semplicissimo: significa un buon ed equilibrato sviluppo della vita di tutti.

Una piantina o una persona che cresce si sviluppa, cioè procede, va avanti, se mangia, beve, prende la luce giusta e sta in un posto non troppo caldo, né troppo freddo, per lei. Così anche è la vita di tutti noi messi insieme (società), che si sviluppa bene solo se tutti insieme andiamo allo stesso passo, aiutandoci, sostenendoci l’un l’altro, senza che uno diventi ricco e l’altro povero di qualcosa, in una ambiente sano.

C’è un libro che spiega bene tutto questo, con immagini colorate, e si chiama: “Possiamo cambiare il mondo. L’educazione civica raccontata ai bambini” (Mondadori). Ve lo consigliamo perché, insieme alla “Laudato Si’” di Papa Francesco, diventi un nostro compagno di viaggio sempre con noi. Il Vangelo è la nostra guida suprema, dove Gesù stesso ci parla (è parola di Dio!) e ci regala tutto il suo amore per noi e le soluzioni per vivere al meglio tra noi e con Lui; questi altri due testi, invece, che sono parola dell’uomo, sono importanti comunque e possono far parte degli strumenti della nostra cassetta degli attrezzi per migliorare il mondo, a partire dalle nostre famiglie, case e paesi.

La nostra Madre Terra, come la chiamava San Francesco d’Assisi, “che da sempre ci nutre e ci sostiene” ha bisogno del nostro aiuto e di essere difesa. Adesso sappiamo cosa fare. La aiutiamo insieme?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*