Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il Signore ti ama così come sei!

Venerdì 22 aprile scorso, la comunità parrocchiale di S. Maria Maddalena in Casamicciola si è stretta come dolce famiglia adottiva intorno al giovane fratello Martin, sotto la forte e sicura guida di suor Edda, per accompagnarlo durante la celebrazione eucaristica che gli ha consentito di ricevere, per le mani del nostro Vescovo Gennaro, i sacramenti del Battesimo, dell’Eucarestia e della Confermazione. Una celebrazione solenne anche nella sua semplicità, preparata con il cuore e tutto l’affetto che la comunità ha saputo esprimere e che, siamo certi, ha commosso tutti.

I Sacramenti che gli sono stati impartiti hanno consentito a Martin di entrare a far parte di una famiglia ancora più ampia e altrettanto solida: quella della Chiesa. Così il Vescovo nella sua omelia: «Con questi sacramenti egli entrerà a pieno titolo a fare parte della Chiesa, famiglia dei figli di Dio. Il Signore Gesù con il Battesimo e l’Eucarestia lo unisce profondamente a Lui e con la Cresima gli dona la “pienezza” dello Spirito Santo. Unito a Gesù, potrà rivolgersi a Dio, chiamandolo: Abbà, Padre».

Il Vescovo ha poi proseguito ricordando quanto tale dono sia prezioso, diventare figli di Dio significa infatti avere acquisito la libertà, il battezzato ha infatti un solo Signore: Dio, che lo ama incondizionatamente. «Stupore e gratitudine dovrebbero avvolgerci di fronte a questo dono: eravamo peccatori, lontani da Dio, Gesù ci ha guariti, ci ha liberati dal peccato, ci ha portato con Lui e in Lui in Dio! Non siamo più estranei, ma figli e, se figli, anche eredi. La nostra destinazione è lì dove è Gesù, in paradiso!» Il Signore ci raggiunge sempre – ha proseguito – nei momenti più difficili, rotolando via per noi la pietra dei nostri limiti e dei nostri peccati, così come ha fatto nel sepolcro il giorno della sua gloriosa resurrezione.

E come figli dello stesso padre possiamo sentirci tutti fratelli e sorelle, membra della stessa grande famiglia dei battezzati, che si riconoscono per l’amore reciproco: i figli di Dio amano, mentre i figli del maligno portano divisione, menzogna e divisione. Ma c’è di più: i figli di Dio amano anche i loro nemici, grazie alle virtù dello Spirito Santo, che ci viene donato nei sacramenti e che ci garantisce slanci di amore e generosità tra di noi e ci spinge a buttarci nella vita.

A tal proposito il Vescovo ha poi ricordato le belle parole pronunciate da Papa Francesco lunedì 18 scorso nell’incontro a Roma con gli adolescenti: «Buttatevi nella vita. […] non abbiate paura della vita, per favore! Abbiate paura della morte, della morte dell’anima, della morte del futuro, della chiusura del cuore: di questo abbiate paura. Ma della vita, no: la vita è bella, la vita è per viverla e per darla gli altri, la vita è per condividerla con gli altri, non per chiuderla in sé stessa».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*