Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Stefano Mancuso: al pianeta servono mille miliardi di alberi in più

Il biologo: “Sembra un’enormità ma pensate che se solo utilizzassimo le terre abbandonate dall’agricoltura dagli anni Novanta ad oggi, potremmo mettere a dimora, in Italia, fino a sei miliardi di alberi”. Il costo? “Non ci dovrebbe interessare perché qualunque sia la cifra sarebbe comunque una frazione irrilevante rispetto ai danni che subiremo se non mettiamo a dimora questa quantità”

Il Climate Clock comparso a Manhattan ci dice che il tempo rimasto a disposizione rispetto al cosiddetto punto di non ritorno, è stimato in poco più di sette anni. Si tratta di una provocazione ma neanche tanto: il punto di non ritorno è un po’ più in là ma bisogna agire immediatamente.

Il riscaldamento globale è il problema più grande difronte al quale si è trovata l’umanità nella sua storia e il fatto che non se ne parli a sufficienza non lo rende meno importante. Il problema della pandemia è drammatico ma contingente, ennesima increspatura frutto della nostra aggressione all’ambiente.

Di questo e altro ha parlato il noto scienziato Stefano Mancuso, botanico, accademico e saggista italiano intervenuto a Modena nell’appuntamento “Plant Revolution” all’interno del festival “Tragitti – itinerari di inclusione sociale”, promosso da associazioni, enti e istituzioni locali. «Il problema del riscaldamento globale dipende dall’anidride carbonica e si affronta in due maniere: da una parte non se ne deve produrre più ma questo lo sappiamo; dall’altro sappiamo anche che l’anidride carbonica già presente nell’atmosfera può essere sottratta attraverso le piante.

Se noi piantassimo un numero sufficiente di alberi, potremmo riportare indietro l’anidride carbonica non a livello preindustriale ma comunque ridurre di due terzi il disavanzo cioè il surplus rispetto al periodo preindustriale» ha affermato lo scienziato.

di Laura Solieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*