Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Scunfinato

Il 17 gennaio, è stata la giornata internazionale dei dialetti.

Un omaggio particolare, quello di  Salvatore Ronga, nel contempo alla lingua partenopea e al recanatese Giacomo Leopardi, che tanto amò Napoli fino a morirci: un’ originale e poetica traduzione del suo Infinito.

Scunfinato

Sempe caro a mme fuje ‘st’àveto puojo,

e chesta fronna, ca pe’ bbona parte,

addo’ po’ l’uocchie guardà schitto me chiude.

Ma si m’assetto a ‘mmirà, scunfinate

arie, scapulat’essa, e d’autre munne

silenzie, e sprefunno arricietto

dint’ ‘o penziero mio je me figuro; ca pe’ poco

‘o core nun s’appaura. E comme ‘o viento

sento sciuscià pe’ ‘e piante, je chillo

silenzio senza fine a chesta voce

faccio paraggio: e ‘ncapo a mme l’eterno,

e ‘e tiempe passate, e chill’’e mo’,

e vivo, e ‘o suono ca fa. Accussì ‘dint’a ‘sta

grannezza s’affoga ‘o penziero mio:

e perderse m’è doce dint’a ‘sto mare.

Ecco per raffronto, l’originale:

L’Infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s’annega il pensier mio:

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*