Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il profeta è l’uomo della Parola! È l’uomo (o la donna) impregnato, inzuppato, imbevuto di Parola!

Totalmente posseduti dalla Parola di Dio, questi uomini e queste donne, decidono di dedicare ad essa, anche se non se ne sentono degni, tutta la loro esistenza!

I profeti dell’Antico Testamento non diedero grande importanza al racconto della loro vita perché ciò che contò per loro fu guardare la realtà in profondità, guardarsi in profondità e diffondere instancabilmente alcuni fondamentali messaggi:

  1. Dio Misericordioso non tollera l’oppressione dei poveri e vuole un popolo di fratelli e di sorelle;
  2. lotta all’idolatria (= qualsiasi realtà che viene divinizzata dall’uomo che nega Dio, cioè qualsiasi realtà rivestita dall’uomo dello splendore del divino e adorata poi come un dio), lotta al militarismo e all’impero;
  3. condanna dell’arricchimento o della cupidigia all’interno di una concezione sacrale, ancor più se a scapito dei poveri e degli ultimi;
  4. lotta alla manipolazione di Dio, cioè lotta alle interpretazioni soggettive delle verità;
  5. eliminazione di ogni presunto privilegio o elezione;
  6. coerenza di vita, generosità e condivisione, perché i poveri non vanno lasciati alla loro condizione di povertà ma vanno riscattati, risollevati;
  7. denuncia delle ingiustizie sociali;
  8. invito alla conversione, al cambiamento di vita e di mentalità.

Questa è la missione!

Cristo Gesù è il Profeta dei profeti. È Lui la Parola di Dio! È Lui il Verbo di Dio! Lui è l’Inviato dal Padre, il Figlio unigenito, Dio vero da Dio vero! Tutto è stato fatto per mezzo di Lui, tutto sussiste in Lui, tutta la storia è in relazione a Lui e tutta la storia tende verso di Lui!

Anche Gesù non ha scritto nulla sulla sua vita: sono piuttosto gli autori neotestamentari ad aver scritto di Lui. «Il futuro è diventato presente in Cristo. La sua parola, la sua persona e la sua opera ci hanno fatto intravedere qualcosa di quello che sarà questo meraviglioso futuro annunciato dai profeti. La riconciliazione operata da Gesù tra giudei e gentili è riflesso della riconciliazione universale che si verifica a ogni livello. I segni e le guarigioni da Lui operate fanno da preludio al mondo nuovo in cui non ci sarà più né morte né lutto né lamento né affanno. In Cristo si è materializzata la vittoria definitiva di Dio sulle forze del male».[1]

Cristo ha vinto il mondo: è una certezza che si è già realizzata! Facendo risorgere suo Figlio, Dio Padre è intervenuto in pienezza nel tempo degli uomini, li ha liberati dalla morte e ha aperto loro l’orizzonte del Regno dei Cieli. Da allora la storia è aperta a un divenire in cui si esprimano la «nuova creazione» e l’ «uomo nuovo», in una solidarietà nuova fra gli uomini.[2]  Da allora noi cristiani siamo chiamati: 

  1. alla denuncia – vista nella linea dei profeti e soprattutto dell’opera e della vita di Gesù – di ogni potere mondano, che assolutizzandosi si fa idolo e osa farsi arbitro dei fondamentali diritti dell’uomo, cioè il diritto alla vita, alla libertà e alla dignità dell’esistenza. Questi diritti sono dono inalienabile di Dio;
  2. all’annuncio creativo e operoso di un nuovo regno, di una società libera da ideologie, in cui vengano riconosciuti a tutti proprio quei naturali diritti inalienabili. Dove ciascuno si possa esprimere secondo le proprie capacità e possa vivere le proprie tradizioni. E infine dove ognuno possa ricevere secondo i suoi bisogni perché nessuno resti privo di una casa, di un lavoro, di un pasto caldo, ma anzi viva potendosi prendersi cura di sé, degli altri e del Creato.

Tutti noi cristiani siamo chiamati a orientare e a condurre la storia verso la Meta. Dio continua a creare la storia mediante la sua parola, ma non in maniera diretta. Dio interpella noi, affinché possiamo crearla quotidianamente.

Maria, Regina dei profeti…prega per noi!


[1] JOSE’ LUIS SICRE, Profetismo in Israele, 1995, Edizioni Borla s.r.l., Roma, p. 489.

[2] BRUNO FORTE, Gesù di Nazaret, storia di Dio, Dio della storia, Edizione Paoline, p. 24-25.

di Angela di Scala

Condividi su:

Facebook
WhatsApp
Email
Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

su Kaire

Articoli correlati

Abitare questo luogo santo

Omelia del Vescovo Carlo in occasione della Celebrazione Eucaristica per i festeggiamenti in onore di Santa Restituta V. e M. – 17 maggio, presso la Basilica Santuario in Lacco Ameno

Veglia Diocesana di Pentecoste

In occasione della Veglia per la Pentecoste il Vescovo Carlo, ispirato dalle parole di Papa Francesco, ci ha offerto un interessante percorso attraverso il significato dei sette doni dello Spirito